CronacaLegnagoProvincia

Al Medici il mondo del volontariato sale in cattedra

Da metà novembre Protezione civile, Associazione Papa Giovanni XIII , Mercato Equo e Solidale e Clown4 terranno lezioni agli studenti dell’istituto legnaghese

Il mondo del volontariato come argomento di educazione civica: è questa la strada intrapresa dall’Istituto Medici che ogni anno propone un percorso a stretto contatto con le persone del nostro territorio che si sono dedicate alla cittadinanza attiva a servizio degli altri.

Il progetto è portato avanti dal Dipartimento di Religione e in particolare dalla professoressa Paola Andreoni e per l’anno scolastico in corso prevede un ricco calendario di incontri che coinvolgerà le varie classi dell’Istituto in modo trasversale, toccando tutti gli indirizzi.

A partire dal 15 novembre, gli studenti potranno confrontarsi con associazioni come la Papa Giovanni XXIII, Clown4 di Oppeano e la Protezione civile, conoscere la storia di queste realtà e soprattutto comprendere come esse contribuiscono ogni giorno a fare la differenza nella vita di molte persone.

In particolare le classi seconde incontreranno i volontari dell’associazione Clown4 che affronteranno insieme agli studenti il tema delle periferie della vita, argomento in linea con il loro percorso di educazione civica incentrato su “Io ho cura delle periferie”. Le terze, invece, si confronteranno con alcuni volontari della realtà fondata da don Oreste Benzi che guideranno gli studenti nell’approfondimento di tematiche quali le case famiglia – in particolare una in Turchia che si occupa anche di accogliere profughi siriani -, le tratte della prostituzione, le cooperative agrarie e del “tessuto vissuto” e il servizio civile internazionale. Le classi quinte avranno, invece, l’occasione di parlare del Mercato Equo e Solidale per aiutarli a diventare consumatori responsabili. Incontreranno inoltre il responsabile del Gruppo della Protezione Civile di Pressana e Bevilacqua, Marco Grazia. Concluderanno il percorso gli incontri sull’anno del volontariato civile nazionale e, su richiesta degli studenti, alcune testimonianze sul Cammino di Santiago.

“Si tratta di un progetto che portiamo avanti da alcuni anni, in cui credo molto” ha sottolineato la professoressa Andreoni “e che trova pieno appoggio da parte del dirigente scolastico Stefano Minozzi. Grazie proprio alla continua programmazione di iniziative, siamo riusciti a trasformare in un progetto a se stante il Gruppo di Lettura Animata, nato grazie alla collaborazione con l’associazione Nel Segno di Anna”.

Il progetto, nato in via sperimentale tre anni fa, è diventato momento di formazione attiva rivolto agli studenti di seconda durante la seconda parte dell’anno scolastico, formazione che si è concretizzata in un vero e proprio gruppo di lettura animata che ha già proposto alcuni appuntamenti sul territorio. Il prossimo sarà il 12 dicembre durante la Festa di Santa Lucia al Teatro Salus.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button