CronacaProvinciaSanità

Cure sobrie, rispettose e giuste: l’ULSS 9 incontra Slow Medicine

Martedì 14 maggio, dalle ore 14:30 alle 18:30, nell’Aula Magna dell’ospedale Magalini di Villafranca di Verona è in programma il corso

Martedì 14 maggio, dalle ore 14:30 alle 18:30, nell’Aula Magna dell’ospedale Magalini di Villafranca di Verona è in programma il corso dal titolo “Cure sobrie, rispettose e giuste: ULSS 9 Scaligera incontra Slow Medicine”. Il corso, che ha per responsabile Scientifico il Dott. Matteo Grezzana, Direttore del Dipartimento Internistico del Distretto 4 – Ovest Veronese, si propone di diffondere i principi di Slow Medicine ETS, della campagna internazionale Choosing Wisely e Green Choosing Wisely Italy tra i professionisti della salute che operano nell’ULSS 9.

Slow Medicine, il cui slogan è proprio “Cure sobrie, rispettose e giuste”, è una rete che coinvolge operatori sanitari, cittadini e istituzioni, fondata per promuovere l’accesso a cure sobrie (utilizzo graduale e appropriato delle risorse, con attenzione alla salvaguardia dell’ambiente e all’integrità degli ecosistemi), rispettose (comunicazione con l’utenza sincera e attenta al rispetto dei valori e delle aspettative di ognuno) e giuste (attività di facilitazione dell’accesso ai servizi). Il progetto “Ospedali e Territori Slow” è volto a migliorare qualità e sicurezza delle cure, aumentare il livello di attenzione ai bisogni dei pazienti e a promuovere un utilizzo appropriato, equo e sostenibile delle risorse.

L’obbiettivo del corso di formazione interna è quello di favorire la nascita all’interno dell’azienda socio sanitaria veronese di una rete di professionisti della salute in grado di collaborare a un progetto di promozione e di tutela della salute, appropriatezza e sostenibilità delle cure e contrasto delle diseguaglianze, realizzando attività di prevenzione e percorsi clinico-assistenziali ispirati ai principi di Slow Medicine.

«Ci onoreranno della presenza come moderatori – spiega il Dott. Grezzana – il Presidente dell’Ordine dei Medici di Verona, Dott. Carlo Rugiu, e il nostro Direttore delle Professioni Sanitarie, Dott.ssa Maria Grazia Cengia. Oltre a me, in qualità di relatori ci saranno il Presidente di Slow Medicine, il cardiologo Marco Bobbio, l’infermiera e giornalista nonché docente universitaria Daniela Berardinelli, e Antonio Bonaldi, ex Direttore Sanitario dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona. Siamo tutti membri del direttivo nazionale di Slow Medicine e ci stiamo impegnando molto, a livello nazionale e internazionale, per promuoverlo. A riguardo, abbiamo presentato richiesta all’’Ordine dei Medici di Verona perché si iscriva come socio istituzionale di Slow Medicine, così come lo è già l’Associazione Multidisciplinare di Geriatria (AMGe), che presiedo. L’AMGe ha anche prodotto cinque raccomandazioni per evitare pratiche a rischio di inappropriatezza per Choosing Wisely International Italy. Le tematiche portate avanti – conclude – sono di grande spessore e sono incentrate sull’umanizzazione delle cure, sul rispetto ambientale e sulla appropriatezza, nel senso più lato del termine, aspettodi assoluta attualità e con il quale in futuro ci dovremo cimentare sempre più».

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button