Cronaca

Dall’ospedale di Negrar la possibile svolta contro il Covid

Il farmaco anakinra avrebbe dimostrato grande efficacia

Uno  studio  pubblicato su   Nature Medicine sembrerebbe  aprire nuove vie alle cure del Covid 19.

Questo studio, infatti,   mostra l’efficacia del farmaco Anakinra, già utilizzato per il trattamento dell’artrite reumatoide, su pazienti positivi al nuovo coronavirus a rischio di decorso grave, prevenendo l’insufficienza respiratoria. Allo studio hanno partecipato per l’Italia l’Istituto Spallanzani e il Policlinico Gemelli di Roma, l’Ospedale San Raffaele e l’Humanitas di Milano, gli Spedali Civili di Brescia, l’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, l’Ospedale di Jesolo e il San Martino di Genova.

Somministrato precocemente e in maniera mirata, in combinazione con la terapia standard (cortisone, eparina e supporto respiratorio), secondo questo studio Anakinra si è dimostrato capace di ridurre drasticamente il ricovero in terapia intensiva e i decessi. Lo studio di fase 3, denominato “SAVE-MORE”, randomizzato e controllato in doppio cieco (gli sperimentatori non sapevano quali fossero i pazienti che hanno assunto il farmaco e quali il placebo), è stato condotto su ben 594 pazienti.

Il dottor Andrea Angheben, responsabile del reparto del dipartimento di Malattie infettive e tropicali di Negrar (Verona) e responsabile locale del trial, ha   spiegato: “Lo studio ha dimostrato che la somministrazione precoce dell’anakinra riduce del 55% la mortalità e del 64% il rischio di morte o la necessità di ricovero in terapia intensiva per la progressione della polmonite in insufficienza respiratoria grave valutati al 28esimo giorno”.

Lo stesso dottor Andrea Angheben ha aggiunto: “Mi sento di dire che sono risultati particolarmente esaltanti: pur essendo all’oscuro su chi riceveva il farmaco rispetto al placebo ho potuto constatare di persona che alcuni pazienti clinicamente destinati alla terapia intensiva mostravano un rapido ed inaspettato miglioramento a poche ore dalla somministrazione del farmaco sperimentale”.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button