CronacaLegnagoProvinciaSanità

Giornata mondiale contro il cancro speciale al “Mater Salutis”

E' stata benedetta l'effige di San Leopoldo Mandic, patrono dei malati oncologici

Quella di questo 2021 è stata una ventesima giornata mondiale contro il cancro anomala  dato il periodo di contagio da covid che stiamo vivendo.
Nonostante ciò però, l’Ulss 9 Scaligera non ha voluto che essa passasse “sottotraccia”, anzi, ha coinvolto i mezzi di comunicazione attraverso testimonianze, affinché collaborino nel sensibilizzare le persone e le rendano consapevoli che gli stili di vita sono fondamentali per non ammalarsi e prevenire.
Queste importanti testimonianze sono state portate dai dottori Marta Mandarà dell’Oncologia di San Bonifacio e da Francesco Florica della Radioterapia e Medicina Nucleare di Legnago che hanno sottolineato che le cure, mai sospese per questa patologia nonostante la pandemia, sono rivolte alla persona nella sua globalità.
“Su proposta del dottor Fiorica – ha evidenziato il direttore generale Pietro Girardi – abbiamo anche esposto presso l’Unità operativa da Lui diretta l’immagine di San Leopoldo Mandic quale patrono dei malati di tumore, accompagnata dalla gradita presenza in teleconferenza di Padre Flaviano, rettore del santuario dei Frati Cappuccini di Padova che ne ha ripercorso la vita, compresa la fase della malattia con cancro all’esofago”.
In occasione della Giornata mondiale contro il cancro, che si celebra il 4 febbraio, anche il Sindaco di Legnago Graziano Lorenzetti ha partecipato alla benedizione dell’immagine del frate cappuccino posta all’interno dell’Unità di Radioterapia e Medicina nucleare del Mater Salutis.
“Sono orgoglioso di questa unità”, ha commentato il Sindaco, “Quello oncologico è il reparto più delicato perché interviene sulla vita delle persone in modo profondo. Vedo la passione che il Direttore e i suoi collaboratori mettono nel loro lavoro e per questo li ringrazio immensamente perché stanno facendo un lavoro importante e insostituibile”.

“La diagnosi di tumore ci porta a riflettere sulla nostra vulnerabilità”, ha spiegato il dottor Fiorica, spiegando il motivo della presenza dell’immagine di San Leopoldo nella sua unità, “la spiritualità aiuta nella battaglia contro la malattia. Chi ha una forte fede sopporta meglio il fatto di essere un paziente. Come è stato per San Leopoldo, che nonostante stesse combattendo uno dei tumori peggiori, ha avuto forza e dignità fino alla fine”.

Il Direttore Pietro Girardi ha poi ricordato che “Vivere in modo corretto ci allontana dallo sviluppare certe patologie”.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button