Altri ComuniCronacaSanità

Il nuovo sistema di sanificazione SANYFOG® consegnato al pronto soccorso dell’ospedale di San Bonifacio

ALIT ha fornito gratuitamente il nuovo nebulizzatore

SANYFOG®, brand di Alit Technologies, azienda veronese da anni specializzata in soluzioni di sverniciatura chimica, ha consegnato al pronto soccorso dell’ospedale Fracastoro di San Bonifacio (Verona) il proprio sistema per la sanificazione SANYFOG I-06 sviluppato durante il periodo del lockdown sfruttando la tecnologia degli ultrasuoni impiegata già nei processi di sverniciatura di ALIT.

Loris Rossi, amministratore delegato di ALIT, e Dottor Andrea Tenci, Direttore del Pronto Soccorso

Il dispositivo, donato all’ospedale gratuitamente, è stato progettato per nebulizzare ad alta frequenza la soluzione sanificante, producendo finissime particelle di soluzione attraverso l’innovativa tecnologia di atomizzazione ad ultrasuoni. In questo modo il prodotto riesce a distribuirsi sull’intera superficie esposta, rimanendo in sospensione nell’aria per il periodo minimo d’azione. Il prodotto igienizzante nebulizzato da SANYFOG® permette di saturare velocemente e facilmente l’ambiente sanificando superfici e oggetti di uso quotidiano senza bagnarli. La velocità di produzione della nebbia, la densità e l’uniformità dell’applicazione uniti ad un bassissimo consumo energetico fanno di SANYFOG® il sistema perfetto per l’utilizzo delle soluzioni sanificanti in qualsiasi ambiente.

 

Oltre al SANYFOG 06-1, nuovo modello del sistema lanciato da qualche settimana dall’azienda dopo mesi di continua ricerca e lavoro di revisione, ALIT propone anche un modello più grande SANYFOG 18-I, adatto per le grandi aree tra cui palestre, capannoni etc.

 

Il sistema di sanificazione SANYFOG®, è stato consegnato all’ospedale alla presenza del Direttore del Pronto Soccorso Dottor Andrea Tenci, del coordinatore delle professioni sanitarie Nicola Leardini e dall’amministratore delegato di ALIT Technologies Loris Rossi.

 

Per maggiori informazioni: www.sanyfog.com

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close