CronacaLegnagoProvincia

Inquinamento alle stelle a Legnago divieto alle auto euro 2 e all’utilizzo di stufe sotto alle 3 Stelle

Arpav ha segnalato il raggiungimento del livello di allerta 1 – arancio.

Il Comune di Legnago ha emesso oggi una nuova ordinanza del sindaco Graziano Lorenzetti a causa del superamento della concentrazione di Pm10 nell’aria che ha portato ieri, 19 gennaio, l’Agenzia regionale per l’ambiente Veneto – Arpav, a segnalare il raggiungimento del livello di allerta 1 – arancio.

Pertanto, si ribadiscono le disposizioni dell’ordinanza n. 348 del 30 settembre 2021 ovvero valgono i seguenti divieti:

Veicoli, divieto di circolazione
1. veicoli alimentati a benzina categorie M e omologati EURO 0, EURO 1;
2. veicoli alimentati a benzina categoria N, omologati EURO 0, EURO 1;
3. veicoli alimentati a diesel categoria M, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2;
4. veicoli alimentati a diesel categoria N, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2;
5. ciclomotori e motocicli categoria L omologati EURO 0.

Generatori di calore
-divieto di utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo), aventi prestazioni energetiche pari alle classi 1 -2 -3 stelle in base alla classificazione ambientale introdotta con D.M. n. 186/2017

Combustioni all’aperto
-divieto assoluto, per qualsiasi tipologia (falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio, scopo intrattenimento, etc, ..) di combustioni all’aperto anche relativamente alle deroghe consentite dall’art. 182, comma 6 bis, del d.lgs. 152/06 rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco;

Temperature ambiente
-introduzione del limite a 18°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali.

Agricoltura
-divieto di spandimento dei liquami zootecnici (non letami) e, in presenza di divieto regionale, divieto di rilasciare le relative deroghe.

Tali divieti restano validi fino alla prossima emissione del Bollettino Arpav prevista per il 21 gennaio 2022.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button