CronacaLegnagoProvincia

Legnago: il Comune accelera sulla sicurezza

Programmati l'incremento degli agenti di polizia, l'introduzione dello spray urticante e il Commissariato

La sicurezza del territorio comunale e dei cittadini è un tema tra i più importanti nell’agenda dell’attuale Amministrazione, grazie anche all’impegno dell’Assessore alla Sicurezza Luca Falamischia.

Pochi giorni fa, in Consiglio Comunale è stata approvata una delibera che prevede la variazione del regolamento della Polizia locale al fine di integrare nell’armamento lo spray urticante, che con le altre dotazioni (schermo protettivo e giubbotto anti-proiettile e anti-taglio) consentono una maggiore protezione per gli agenti.

Una misura che, unita all’aumento delle postazioni di video-sorveglianza in città (dalle 62 del 2018 alle attuali 78), dei varchi elettronici (da 13 a 16) e degli agenti in organico (da 16 a 20 in due anni), mira a migliorare la sicurezza dei cittadini e ad agevolare il lavoro della polizia.

“In un anno e mezzo siamo riusciti ad incrementare il numero degli agenti in servizio da 16 a 20”, sottolinea Falamischia, “E abbiamo in programma di non fermarci qui. Compatibilmente con le normative che regolano le assunzioni della pubblica amministrazione, abbiamo in programma di ingaggiare altri 4 agenti di polizia locale al fine di poter coprire il terzo turno serale, in cui si verificano maggiormente le effrazioni. Attualmente il servizio termina alle 19.00 e i Carabinieri, con le risorse che hanno, stanno facendo tanto per presidiare il territorio”.

I reati riguardano principalmente atti vandalici (molto spesso di minorenni), abbandono di rifiuti, rotture dei vetri delle auto, accattonaggio e bivacco da parte di immigrati.

“Tutte criticità combattute con ottimi risultati”, spiega Falamischia, “in alcuni casi quadruplicati rispetto al passato. Anche se è importante sottolineare che alcuni di questi reati (come confermato da esperti che lavorano con i giovani) sono il frutto della situazione di disagio creata dalla pandemia: la frustrazione e l’incertezza portano gliadolescenti con problemi a spingere sul loro comportamento fuori le righe, ribellandosi e scaricando il loro disagio, a danno dei cittadini”.

Ma a rendere difficile il lavoro degli agenti, è soprattutto la normativa nazionale.

“In Italia manca la certezza della pena”, conferma il Sindaco Graziano Lorenzetti, “Abbiamo un Governo troppo tollerante che non mette i Comuni in grado di intervenire nei confronti della criminalità in modo adeguato e tempestivo. La nostra Amministrazione si è impegnata a sostenere l’azione dei Carabinieri mettendo a disposizione dell’Arma risorse per trovare nuovi spazi per aumentare il personale. Siamo intervenuti anche per assicurare l’apertura di un Commissariato a Legnago. E sembra che la strada sia aperta per questa iniziativa. Però la futura struttura per mettere in sicurezza la città la dovremo pagare noi. Così come i futuri locali aggiuntivi per i Carabinieri”.

 

 

 

 

 

 

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close