CronacaEconomiaLegnagoProvincia

Legnago: inaugurato il nuovo megastore Max Factory

Il nuovo punto vendita aperto nell'edificio che ospitava il Mercatone Uno

Il Gruppo Max Factory, catena di megastore specializzata in abbigliamento e prodotti per la casa, prosegue a grande ritmo la propria attività di espansione sul territorio italiano e dal 2 settembre è presente anche in Veneto. Il 27° punto vendita Max Factory sorge a Legnago in provincia di Verona. Lo spazio di 5.200 mq in viale Europa 39, un ex punto vendita MercatoneUno, è stato completamente ristrutturato e riqualificato e si trova in un parco commerciale dove sono presenti altre importanti insegne e un parcheggio di circa 300 posti auto.

L’apertura del nuovo punto vendita di Legnago segna anche l’ingresso di grandi marche italiane nell’offerta delle varie merceologie dell’Azienda. I brand integrano e completano un portafoglio di prodotti ampio che da oggi risponde ad una vasta gamma di esigenze.

“Abbiamo iniziato i lavori a Legnago lo scorso giugno e, grazie al sostegno dell’amministrazione comunale, a tempo di record abbiamo realizzato il nuovo punto vendita. Questa apertura riveste un valore strategico significativo nel contesto del nostro percorso di espansione. Approdiamo per la prima volta in Veneto e inoltre diamo il via all’inserimento delle grandi marche nella nostra offerta. Si tratta di un ulteriore step di sviluppo della nostra strategia, un programma che ruota attorno alla centralità del cliente verso il quale ci impegniamo ad offrire i migliori prodotti al miglior prezzo. Soprattutto nel reparto casa, siamo orgogliosi di proporre una serie di prestigiosi brand Made in Italy” Commenta Stefano Giorgetti, direttore Generale del Gruppo Max Factory. 

Nel megastore di Legnago l’area dedicata al fashion occupa la prima parte del percorso di shopping ed offre un’ampia selezione di abbigliamento donna, uomo e bambino con marche quali Lacoste, Fred Perry, e Roncato per la valigeria. Con l’ingresso dei brand, Max Factory estende l’offerta includendo abbigliamento sportivo e soprattutto sneakers, inizialmente non presenti tra le proposte della catena.

L’area home, invece, include casalinghi e articoli per la cucina di brand come Agnelli, Tognana, Balllarini, Bialetti, Pyrex, Imperia, Bormioli, Tescoma, IIsa, Ballarini e posateria Eme. Inoltre, prodotti per la decorazione della casa, tessili, cura della persona, cura del pet, bricolage, giocattoli e illuminazione. Infine, un’ampia scelta di cartoleria e prodotti per scuola che includono, tra gli altri, brand come Fila, Stabilo, Bic e Stadler, Seven e Invicta.

Entro il 2021, sono in programma le aperture di Pavia, Nichelino (TO) e Trecate (NO).

L’inaugurazione del 2 settembre è una grande notizia perché a Legnago ci sarà una nuova struttura che darà una risposta lavorativa a molte persone e una risposta commerciale al territorio. Ringrazio l’azienda per questa iniziativa“, afferma Graziano Lorenzetti, il sindaco di Legnago.

Nato nel 2005, il Gruppo Max Factory è oggi presente in Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio e Veneto con 27 store di abbigliamento e articoli per la casa, ciascuno con una superficie media di 3000 mq. Gli store sorgono nelle province di Como (5 punti vendita), di Milano (2), di Monza e Brianza (1), di Lecco (1), di Novara (2), di Bergamo (1), di Reggio Emilia (1), di Verbania (1), oltre che in città come Torino (4), Alessandria (1), Asti (1), Monza (1), Brescia (1), Piacenza (1) e Roma (3). A queste si aggiungono le nuove aperture del 2021 come Legnago (VR), Pavia, Nichelino (TO) e Trecate (NO), che porteranno la rete a 30 store a fine 2021. Il Gruppo prevede di presiedere il territorio nazionale con 48 punti vendita entro il 2025.

Max Factory offre una selezione accurata di prodotti per tutta la famiglia, abbigliamento uomo, donna e bambino, casalinghi e articoli per la cucina, per la decorazione della casa e per animali domestici, cartoleria, giocattoli e bricolage. La filosofia del Gruppo è scegliere prodotti di qualità offrendoli al miglior prezzo ai propri clienti. Tra gli obiettivi a breve termine, quello di aumentare costantemente l’offerta con una quota di prodotti italiani fino al 70%.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button