CronacaVerona

Terminata la pista ciclabile Porta Palio-Castelvecchio

Collegato il parcheggio di Porta Palio all'inizio di via Roma

Registrati già molti passaggi di biciclette nel neonato tratto ciclabile che collega Castelvecchio al grande parcheggio di Porta Palio, dov’è ubicata anche una postazione di bike sharing.
Solo 2 chilometri che però contano molto, per la zona in cui si sviluppano: solitamente molto trafficata e con un continuo viavai di mezzi pubblici e privati, tanto da non renderla così sicura per color che si spostavano in bici.
Ecco che dopo quindici anni di attesa, la mobilità sostenibile ha tagliato un importante traguardo a Verona, dando finalmente risposta alle richieste avanzate da Fiab Verona e dai molti cittadini che da tempo hanno riscoperto il piacere di muoversi in bicicletta.
 Ora, infatti, la ciclabilità è un tema che l’Amministrazione affronta con maggior progettualità, considerando la mobilità sostenibile nel suo complesso e pianificando più interventi sul territorio alfine di creare sempre più collegamenti ciclabili e cercando di migliorare quelli esistenti.
Nuovi pilottini in via Roma
Nuovi pilottini in via Roma
Per portare a termine i due chilometri strategici da Castelvecchio a Porta Palio il Comune ha potuto contare sul finanziamento regionale, che ha coperto un terzo del costo dei lavori (durati circa un anno): 60 mila euro su un totale di 180 mila.
Il primo tratto del percorso realizzato va dal retro di Porta Palio a via Scalzi, dove è stato messo in sicurezza l’attraversamento su Circonvallazione Oriani, sfruttando poi l’ampio marciapiede esistente di fronte all’ospedale militare.
Per permettere la bidirezionalità della ciclabile, sono stati ristretti alcuni punti del marciapiede tra vicolo Valle e Castelvecchio, lasciando comunque spazio al passaggio dei pedoni, mentre sul secondo tratto sono stati apposti dei paletti protettivi.
L’inaugurazione è avvenuta ieri, 22 giugno, alla presenza del sindaco Federico Sboarina, dell’assessore ai Lavori pubblici Luca Zanotto, del presidente di Fiab Verona Corrado Marastoni e del vice presidente Giorgio Migliorini.
Nell’occasione, il Sindaco ha precisato che “Questa pista ciclabile completa un tassello del più vasto puzzle che stiamo realizzando a vantaggio della mobilità sostenibile.
Un modus operandi che non interviene qua e là con progetti non sempre coerenti tra di loro, ma segue una visione generale sulla base delle effettive esigenze del territorio. La pandemia ha aumentato a dismisura l’uso della bicicletta, un boom probabilmente dovuto anche alla maggiore offerta di piste ciclabili sul territorio, che non solo rende sicuro lo spostamento in bici ma lo fa preferire a quello in auto, che rispetto alle due ruote è limitato dal traffico e dal dover cercare parcheggio.
Un’opera bella da percorrere ma anche da vedere, che trova degna prosecuzione nell’intervento in corso per mettere in sicurezza via Roma e piazza Bra in occasione di grandi eventi e manifestazioni. Qui il cantiere è già terminato prima del previsto con la posa di tutti i paletti fissi previsti, di cui due a scomparsa, nel frattempo è già partito quello in piazza Bra, che entro luglio vedrà la sostituzione degli attuali new jersey in cemento con dissuasori in parte fissi e in parte a scomparsa e alcune fioriere”.
Tratto di pista ciclabile tra Porta Palio e via Roma
Tratto di pista ciclabile tra Porta Palio e via Roma
Ha poi aggiunto l’assessore Zanotto: “Un progetto di cui andiamo davvero orgogliosi e che ha coinvolto Fiab quale soggetto competente per suggerire le migliori soluzioni da adottare. Un risultato non scontato, vista anche la complessità del secondo tratto di strada, dove sono state necessarie alcune modifiche di tipo tecnico per andare incontro alle esigenze di residenti e commercianti. Abbiamo realizzato un percorso il meno impattante possibile sulla viabilità ordinaria ma allo stesso tempo sicuro per le biciclette, un’opera senza precedenti per il nostro territorio, che ci ha dato l’opportunità di apportare migliorie aggiuntive ai sedimi stradali adiacenti alla pista, tra cui la nuova conformazione dell’attraversamento pedonale agli Scalzi”.

Marastoni ha detto: “Si concretizza uno dei primi impegni dell’Amministrazione sul tema della mobilità sostenibile e che ci ha visti coinvolti in ogni tappa. Questo percorso era atteso da almeno 15 anni, perché risolve insieme due questioni fondamentali quando si parla di ciclabilità: la sicurezza dei ciclisti e i collegamenti strategici tra i quartieri e il centro. A Porta Palio c’è la stazione di bike sharing più usata della città, prima i ciclisti erano lasciati al loro destino, oggi invece hanno a disposizione un percorso bidirezionale che li porta in centro in totale sicurezza. Siamo contenti del dialogo e della collaborazione che c’è con l’Amministrazione, andiamo avanti sugli altri progetti già sul tavolo”.

 SG
Tags

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close