CronacaProvinciaVerona

Veronesi nel mondo: anche la Bassa avrà la sua sezione

Claudio Valente al lavoro per riunire gli emigrati veronesi

Lo scorso 21 novembre, presso la Fondazione Fioroni, l’Associazione Veronesi nel Mondo, nella persona del suo Presidente Enzo Badalotti, ha promosso un primo incontro per favorire la ricostituzione di una sezione della stessa nel territorio della “Bassa”.

L’Associazione è stata creata nel 1972 con lo scopo di fornire assistenza morale e materiale ai veronesi emigrati svolgendo un’azione di collegamento tra gli emigrati stessi all’estero e tra gli emigrati e la terra d’origine.

Ancor oggi l’Associazione Veronesi nel Mondo assiste gli associati in materia previdenziale e fiscale in Italia e all’Estero, promuove iniziative culturali di interesse sociale in Provincia e nei luoghi di emigrazione, favorisce interscambi  sociali, culturali ed economici tra la Provincia e le comunità veronesi nel mondo  e promuove attività di aggregazione e di valorizzazione della nuova realtà, soprattutto giovanile, dei conterranei residenti all’estero.

Un’attività che può avvalersi di oltre 30 Circoli sparsi in tutto il mondo. Ad essi si aggiungono, con le stesse finalità, le 5 Sezioni di emigranti ed ex emigranti presenti in Provincia, che nelle loro molteplici  attività in campo aggregativo, sociale e culturale, hanno recuperato il grande patrimonio di energie, esperienze ed ideali di chi, dopo tanti anni di lavoro all’estero, è ritornato nel paese d’origine.

Un’importante funzione quindi che, il Dr. Claudio Valente, per molti anni Presidente dell’Associazione, si sta impegnando a valorizzare ricreando una sezione per il territorio della pianura. Per poter rendere possibile l’iniziativa si intende organizzare un secondo incontro in cui verrà considerata la disponibilità di chiunque sia interessato all’iniziativa.

Per questo motivo si chiede quindi, a chiunque si sentisse di offrire la sua collaborazione, di inoltrare una mail all’indirizzo valenteclaudiosante@alice.it e verrà così ricontattato in occasione del prossimo incontro.

 

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close