EconomiaVerona

Fondi in arrivo dalla Regione per gli spazi esterni dell’Ex Arsenale di Verona

La conferma stamane dall'Assessore all'Ambiente Bottacin

E’ di 996 mila euro il finanziamento in arrivo dalla Regione Veneto per la bonifica degli spazi esterni dell’Ex Arsenale di Verona. L’area fa parte del lotto su cui verrà realizzato il parco urbano dell’Arsenale, prioritario per una celere fruizione da parte dei cittadini.
L’intervento verrà fatto sulla base dei dati raccolti dal geologo Paolo Rocca, che ha proposto la sostituzione di 50 centimetri di terreno, nelle zone da bonificare, con una geogriglia di protezione, onde evitare l’eventuale ingerimento dello strato sottostante.

Non si tratta dell’unico contributo ricevuto per l’Arsenale: pochi mesi fa ne era arrivato un altro dal Ministero di 866.726 euro a favore delle spese sostenute dall’Amministrazione per la stesura del progetto di riqualificazione unitaria del compendio asburgico denominato ‘Ars District’.

L’assessore all’Ambiente Ilaria Segala ha commentato: “Questo contributo dimostra quanto le Istituzioni, dalla Regione al Governo, credano a questa opera di recupero e valorizzazione dell’Arsenale, progetto bandiera della nostra Amministrazione. Si tratta di un sostegno e un aiuto importante per proseguire celermente con la progettazione e gli interventi strategici, come la bonifica. Un’indagine così seria e approfondita non era mai stata fatta prima da nessuno, non ha precedenti. Erano state compiute solamente delle operazioni di verifica in superficie ma nessuno si era preoccupato di esaminare il grado di inquinamento dei terreni. Fondamentale per poi utilizzare gli spazi esterni a parco pubblico, per l’aggregazione e per far giocare i bambini in sicurezza.
L’Arsenale è un luogo dalle straordinarie potenzialità che deve rimanere in mano pubblica ed essere restituito ai veronesi, a vantaggio dei cittadini e del Comune. Ringrazio la Regione per questo fondamentale aiuto, un tassello importante per arrivare alla meta quanto prima”.

SG

Tags

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close