CulturaEconomiaEventiIncontriVerona

Parte la settimana prossima il Job Gym per l’occupazione giovanile veronese

Un'apecar fornirà supporto direttamente nei luoghi di ritrovo degli under 30

Disoccupati e inoccupati tra i 16 e i 30 anni di Verona potranno ricevere supporto nella ricerca del lavoro direttamente nei loro centri di aggregazione.
Un’apecar sarà infatti adibita a sportello del lavoro itinerante e fornirà ai giovani percorsi di orientamento e formazione per cercare di colmare il divario tra le competenze richieste dal mercato e l’istruzione dei ragazzi.
Spesso, infatti, la preparazione ricevuta a livello scolastico non è immediatamente spendibile nel mondo del lavoro, che si evolve molto velocemente e richiede soft skills (competenze trasversali) che i giovani hanno necessità di sviluppare, assieme alle loro potenzialità.
Il progetto JobGym, interrotto sul nascere l’anno scorso a causa della pandemia, è sviluppato da una rete di soggetti operanti nel territorio veronese in diversi settori: istruzione, inserimento lavorativo, politiche attive del lavoro e innovazione.
Capofila è Lavoro & Società, a cui si aggiungono il Comune di Verona, Fondazione Engim Veneto, Sol.Co. Verona s.c.s.c., Hermete Società Cooperativa Sociale a r.l, Mag Mutua per l’Autogestione Coop. Soc., Energie Sociali Cooperativa Sociale Onlus, COSP Verona, Fondazione Edulife Onlus, T2i – trasferimento tecnologico e innovazione s.c.a r.l.
JobGym, dal costo complessivo di 538.000 euro, è cofinanziato dalla Fondazione Cariverona con 430.000 euro.

L’iniziativa, in partenza già la prossima settimana, è stata presentata oggi a Palazzo Barbieri alla presenza del sindaco Federico Sboarina e dell’assessore al Lavoro e Istruzione Daniela Maellare, che ha affermato: “Un’esperienza bellissima che offre una maggiore opportunità per avvicinare i giovani al mondo del Lavoro. Nell’ultimo periodo, causa anche la pandemia, c’è stata una scarsa affluenza agli uffici del lavoro. Le offerte di lavoro non mancano e sono pervenute numerose richieste da diversi settori per ottenere del personale specializzato. E questo progetto va proprio nella direzione di mettere in contatto i giovani con chi cerca nuovo personale. Rivolgo un ringraziamento particolare agli organizzatori del progetto, il gruppo ‘Lavoro&Società’, e a Fondazione Cariverona, che ne ha sostenuto economicamente l’idea”.

Presenti anche il consigliere delegato di Lavoro & Società Orazio Zenorini e la Responsabile area attività istituzionali Fondazione Cariverona Marta Cenzi. Il primo ha evidenziato: “Data la difficile situazione in cui versano i ragazzi veronesi abbiamo deciso di sviluppare un progetto di rilancio a partire dal lavoro attraverso una innovativa e itinerante forma di incontro tra domanda e offerta, dato anche il calo di accessi ai Centri per l’impiego. Dobbiamo intervenire su due fronti: organizzare percorsi formativi e di orientamento per dare agli utenti le competenze richieste dalle imprese e superare l’effetto scoraggiamento dovuto al difficile periodo vissuto nell’ultimo anno. In particolare, vogliamo dare nuove prospettive anche a quei giovani che non hanno mai lavorato e che si affacciano sul mercato del lavoro per la prima volta, o che date le difficoltà del momento, rinunciano a cercarlo oppure rinviano la ricerca di un impiego a periodi più favorevoli”.

Marta Cenzi ha aggiunto: “Al centro del nostro lavoro per il triennio 20/22 abbiamo l’attenzione per le giovani generazioni. Investiamo sull’orientamento alle professionalità e competenze del futuro, promuoviamo nuove opportunità, strumenti di crescita personale e di sviluppo del territorio Job Gym è un progetto pienamente centrato rispetto a questi nostri obiettivi, sviluppa competenze, inserimento lavorativo, rafforzamento dell’occupabilità. Lo fa sperimentando nuovi strumenti di politica attiva del lavoro e nuove modalità di erogazione di servizi in un sistema promosso da una rete di soggetti capaci di fare squadra e di generare valore. Sono queste le caratteristiche che Fondazione Cariverona ha apprezzato in Job Gym selezionandolo nel 2019 con il bando Giovani Protagonisti”.

SG

Tags

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close