Basso VeroneseEventiTeatroTerritorio

A Roverchiara va in scena “Il barbiere di… Verona”

Questa sera martedì 4 giugno alle ore 20.30 presso il Teatro San Lorenzo di Minerbe si terrà la recita di fine anno della Scuola Secondaria di 1° grado di Roverchiara dal titolo Il barbiere di… Verona.

L’idea dello spettacolo nasce in occasione del 150° anniversario dalla morte del compositore Rossini, con l’intento di avvicinare i ragazzi all’opera lirica facendo loro imparare ed apprezzare il teatro e la musica. La recita sarà frutto di una libera rielaborazione de Il Barbiere di Siviglia del 1816. Sono state coinvolte le classi prime e seconde nella recitazione e nei canti e le classi terze nell’esecuzione delle scenografie.

Data la lunga tradizione lirica legata all’arena di Verona che abbiamo qui a due passi da noi, ci siamo permessi di calare la storia proprio a Verona, come si può vedere dalle scenografie e d’altra parte, il balcone a cui il conte spera di vedere affacciarsi la bella Rosina, ha subito portato il nostro pensiero al famoso balcone di Giulietta.

Quello che ha entusiasmato maggiormente i ragazzi è stata l’opportunità di conoscere dal vivo il canto lirico grazie all’intervento nel nostro spettacolo di due cantanti professionisti: il soprano Rossella Caloini e il baritono Filippo Visentin.

L’opera ha aiutato gli studenti a soffermarsi sulle debolezze dell’animo umano e su temi molto attuali. In particolare nelle classi si è lavorato sul testo dell’aria “La calunnia” che bene si è inserito nel progetto annuale d’Istituto relativo al bullismo e cyberbullismo.

La professoressa Rosanna Puglisi si è occupata nelle varie classi dell’aspetto musicale e della body music inserita nell’”Ouverture” e ha anche svolto il ruolo di maestro accompagnatore accompagnando dal vivo nello spettacolo i cantanti e i ragazzi.

La professoresse Alessandra Cassinelli e Marianna Valente, assistite dalle collaboratrici scolastiche, hanno curato invece l’aspetto legato alla regia, alle scenografie, ai costumi e all’organizzazione.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close