EventiLegnago

Andrea Pesenato il “Cavaliere con le ali”

Al campione italiano di acrobazia aerea a motore nelle categorie Avanzata e Free Style l'ambito riconoscimento legnaghese

Domenica 12 novembre presso la sala delle Ceramiche della Fondazione Fioroni il Sindaco Graziano Lorenzetti ha consegnato al pilota acrobatico Andrea Pesenato l’onorificenza di San Martino 2023, affidandogli simbolicamente il mantello rosso del patrono di Legnago indossato lo scorso anno dal musicista Red Canzian.

Al momento del conferimento del riconoscimento, Federico Melotto, presidente della Fondazione Fioroni e membro del Comitato del Cavalierato di San Martino assieme a Pro Loco Legnago, Portobello, Assoimprese e ViviLegnago, ha sottolineato che “il Comitato ha deliberato all’unanimità per l’anno 2023 di assegnare la terza onorificenza di San Martino al pilota acrobatico Andrea Pesenato, uno sportivo che ha contribuito a dare grande lustro alla Città di Legnago facendola conoscere a livello nazionale e internazionale, conquistando negli anni 2019-2020-21-22-23 il titolo di campione italiano di acrobazia aerea a motore nelle categorie Avanzata e Free Style. A questi successi si aggiungono quelli di campione italiano 2009 e 2011 nella categoria intermedia”.

“Spero di essere all’altezza di questa onorificenza e di contribuire con la mia attività e quella dell’aeroporto a fare beneficenza”, ha dichiarato Pesenato, “Ad ogni nostra iniziativa c’è un contributo ad associazioni che aiutano chi ha bisogno e questo credo si sposi perfettamente con chi era San Martino. Mi auguro di rappresentarlo al meglio. Ringrazio la Città di Legnago per l’affetto che mi dà e le frazioni che vediamo spesso in aeroporto. Ringrazio il Comitato e l’Amministrazione per questo titolo”.

“Per le sue caratteristiche di uomo anche al di fuori del campo di volo e per il suo impegno nel sociale Andrea incarna al meglio lo spirito di San Martino”, ha ribadito il Sindaco Lorenzetti.

Melotto ha ricordato che “la tradizione di San Martino ha sia un’origine laica, legata agli spostamenti delle famiglie contadine l’11 novembre, giorno in cui in passato terminava l’anno agrario, sia religiosa, basata sulla leggenda di San Martino di Tours, soldato romano di origine ungherese. Una sera, mentre prestava servizio di ronda notturna a cavallo, incontra un povero tremante dal freddo. Colpito, taglia metà del suo mantello e lo dona all’uomo per scaldarsi. Il giorno successivo gli apparirà in sogno Gesù dicendogli che quel mendicante era lui. Il giorno seguente il gesto di Martino il clima si fece più mite e diede sollievo ai poveri. Ecco il motivo della Stagione di San Martino. L’11 novembre terminava l’anno agrario, i lavori estivi erano terminati così come quelli di preparazione invernale e le famiglie contadine “traslocavano” da una corte all’altra”.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button