EventiMusicaTerritorioVerona

Concerto di Natale Fondazione Arena di Verona

Sabato 22 dicembre 2018 alle ore 21.00, l’Orchestra ed il Coro della Fondazione Arena eseguiranno l’Oratorio di Natale “Weihnacht-Oratoriumtratto daChristus” di Franz Liszt, nella suggestiva cornice della Basilica di Santa Anastasia di Verona con i complessi musicali areniani.

La direzione è affidata al Maestro Vittorio Bresciani, pianista e direttore d’orchestra con oltre trent’anni di carriera, impegnato già in passato con Fondazione Arena al Teatro Filarmonico, che guiderà l’Orchestra ed il Coro preparato dal Maestro Vito Lombardi. Ad interpretare le parti solistiche due artisti già noti al pubblico della lirica, il mezzosoprano Alice Marini ed il tenore Gregory Bonfatti. La serata viene inoltre impreziosita da alcuni solisti di grande caratura i quali, in omaggio allo spirito festoso dell’evento, si sono offerti di partecipare allo splendido sestetto finale del brano che concluderà il concerto (“L’entrata in Gerusalemme”): Valentina Mastrangelo, Eunhee Kim, Francesco Leone, Oreste Cosimo. Ulteriore gradita partecipazione sarà quella del Coro Voci Bianche A.LI.VE. diretto dal Maestro Paolo Facincani.

Il Concerto esprime l’intento di Fondazione Arena, supportata da alcune tra le più prestigiose Istituzioni veronesi, di dialogare costantemente con la città attraverso progetti di elevata qualità artistica e spessore culturale. Nel periodo delle festività natalizie, la Fondazione desidera infatti offrire l’opportunità ai veronesi e al pubblico di ascoltare un’opera straordinaria e di alta valenza spirituale, le cui esecuzioni dal vivo sono molto rare in Italia e che la stessa città di Verona può, in questa occasione, ascoltare per la prima volta.

Il programma prevede in apertura l’esecuzione del “Oratorio di Natale”, opera in cinque brani che costituisce la prima parte del monumentale Oratorio in tre parti di Franz Liszt, denominato “Christus”, per concludersi con “L’entrata in Gerusalemme”, tratto dalla seconda parte del “Christus” (“Dopo l’Epifania”); una partitura dal linguaggio ricco di colori orchestrali e di potenza espressiva, di scene pastorali, di sfumature romantiche e di suggestivi momenti (come l’apparizione della stella nella marcia dei “Tre Re magi”), ma anche impregnato di reminiscenze e armonie arcaiche dal carattere fortemente religioso, che consentirà all’Orchestra, ai cantanti e ai due Cori di esprimersi al massimo delle loro potenzialità.

Le musiche saranno precedute dalla recitazione di alcuni versi tratti dall’Antico e Nuovo Testamento e da altri testi liturgici, a cura di Monsignor Signoretto, Vicario del Vescovo per la Cultura.

L’entrata è libera fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close