CereaEventiManifestazioniTerritorio

Emmaus compie 4 anni

La Comunità di Aselogna festeggia l'8 e il 9 settembre

Quanta strada ha percorso la Comunità Emmaus Aselogna in 4 anni dal 14 settembre 2014, giorno dell’inaugurazione della Comunità. “Siamo partiti in 5 comunitari, oltre alla famiglia del responsabile, Henk, e a una decina di volontari. Ora siamo 17 comunitari e 25 volontari. Sono state una quarantina le persone accolte in questi quattro anni” raccontano i responsabili.

La comunità è impegnata sul territorio a ridare fiducia e dignità a persone che avevano perso ogni punto di riferimento. Lo fa offrendo la possibilità di riscatto attraverso quello che è più prezioso: il lavoro, che consiste nel ritirare materiale donato (libri, mobili, elettrodomestici, vestiti, oggetti vari), che può essere ancora utilizzato e metterlo in vendita nel mercatino. “La nostra” continuano i responsabili “è una comunità di lavoratori. Il pane viene guadagnato recuperando tutto ciò che viene buttato via dalla nostra società. A tutto si cerca di ridare valore: cose e soprattutto persone. Nulla e nessuno è di troppo!”.

Il raggiungimento del quarto anno dalla sua fondazione sarà festeggiato sabato 8 e domenica 9 settembre, con una vendita straordinaria dei migliori oggetti, accantonati negli ultimi mesi proprio per questa occasione. Gli orari di apertura sono dall 9 alle 12 e dalle 15 alle 17.

Domenica alle 9 verrà presentata la nuova attività: lì’apertura di un posto vendita di prodotti biologici in collaborazione con la cooperativa La Margherita. Dalla 10 alle 12 nel mercatino verrà offerto un buffet per amici e clienti. Tutti sono inviati.

COS’È EMMAUS

Il nome EMMAUS è quello di una località della Palestina dove alcuni disperati, definiti i discepoli di Emmaus, hanno ritrovato la speranza. Questo nome evoca per tutti, credenti e non credenti, la convinzione che solo l’Amore può unirci e farci progredire insieme.

Il movimento EMMAUS, fondato dall’Abbé Pierre, è nato in Francia nel novembre 1949 dall’incontro di uomini privilegiati, con uomini che non avevano più alcuna ragione per vivere. Gli uni e gli altri decisero di unire le proprie forze e le proprie lotte per aiutarsi a vicenda e soccorrere coloro che più soffrono, convinti che “salvando” gli altri si diventa veri salvatori di se stessi. Per realizzare questo ideale si sono costituite le Comunità Emmaus che lavorano, in tutto il mondo, per vivere e per donare.

Non è un ricovero, né una qualsiasi opera pia. Non ci sono né assistenti né assistiti. È una Comunità di vita. Una famiglia in cui tutti insieme, con dignitosa sobrietà, lavorano, vivono ed assieme lottano contro ogni ingiustizia, per un mondo di esseri umani. La caratteristica: ricevere per donare, per servire quanti soffrono di più, in Italia e nel Mondo, cercando di provocare così questa società, sempre più egoista e stanca di vivere. La legge è: “servire, ancor prima di sé, chi è più infelice di sé, servire per primo il più sofferente”.

I responsabili della comunità di Aselogna

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close