EventiIncontriSanitàTerritorioVerona

Epilessia: primo ciclo di incontri per abbattere i pregiudizi e migliorare la qualità della vita

Per far conoscere cos’è l’epilessia, abbattere i pregiudizi e migliorare la qualità della vita delle persone che ne sono affette, l’assessorato al Decentramento organizza una serie di incontri aperti a tutta la cittadinanza di Verona e provincia.
Il 70 per cento dei malati di epilessia conduce una vita normale, può lavorare, viaggiare, formarsi una famiglia. Chi pensa il contrario è disinformato sull’argomento, o vittima di pregiudizi di chi non conosce la malattia e non sa come comportarsi.

Grazie alla collaborazione della sezione veronese dell’Associazione italiana contro l’epilessia, esperti e medici tratteranno alcune delle tematiche legate all’epilessia e a come affrontare la malattia nella vita quotidiana. Informazioni e indicazioni di interesse non solo per chi l’epilessia la vive sulla propria pelle, ma anche per i familiari, gli amici, i colleghi di lavoro, i compagni di scuola.
Tra i temi trattati, oltre all’approccio terapeutico e chirurgico, anche quelli sull’alimentazione più adatta per chi soffre di epilessia e i suggerimenti per le donne in gravidanza.
Il primo incontro si terrà in 4ª Circoscrizione, martedì 26 novembre alle 20 nella sede di via Mantovana 66 a Santa Lucia. Oltre alle informazioni generali sulla malattia e sui progressi della ricerca scientifica, la serata sarà incentrata sull’epilessia nelle donne e, in particolare, nelle gravidanza.
Mercoledì 27 novembre, i relatori si sposteranno a Quinzano, in via Righetti, nella sede della 2ª Circoscrizione, per un focus su epilessia e terapie.
Il terzo appuntamento è per venerdì 30 novembre, sempre alle 20, in Borgo Roma, nella sede della 5ª Circoscrizione in via Benedetti 26/B. Alimentazione e aspetti emozionali saranno i temi affrontati durante la serata.
Il ciclo di incontri si concluderà mercoledì 4 dicembre, a San Michele, nella sala della 7ª Circoscrizione in Piazza del Popolo 15, con un focus sull’approccio chirurgico alla malattia.
Le serate sono aperte a tutti e ad ingresso gratuito.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close