ManifestazioniMusicaVerona

Spettacoli in Arena: si punta alla capienza massima

L'anfiteatro testerà per primo l'efficacia delle misure anti Covid

Il protocollo di 50 pagine preparato dal Comune assieme a Fondazione Arena e Arena di Verona è stato presentato all’Istituto Superiore di Sanità per proporre di portare a 6 mila il numero di spettatori ammessi dal vivo (il doppio rispetto al 2020) ed è ora nelle mani del Presidente della Regione Luca Zaia.

Intanto l’Istituto Superiore di Sanità si è già espresso, ritenendo che proprio all’Arena di Verona si possa procedere con la prima vera sperimentazione nazionale che testi l’effettiva efficacia delle misure anti Covid adottate nei luoghi di spettacolo e non solo.

Il piano è ancora in fase di definizione ma sembra che l’idea sia quella di effettuare un doppio tampone agli spettatori: uno all’ingresso e uno a distanza di una settimana.

I risultati ottenuti dovrebbero offrire un quadro preciso dell’efficacia delle misure applicate, come distanziamento, modalità di ingresso e uscita dall’Arena, uso della mascherina. Le autorità sanitarie si occuperebbero in toto della gestione dei tamponi, dalla fornitura dei dispositivi medici al personale addetto.

Ovviamente gli spettatori dovranno essere a conoscenza dell’iniziativa prima di acquistare il biglietto, per poter decidere di farne parte o meno, per cui la sperimentazione potrà essere effettuata solo a partire da quegli eventi i cui biglietti non sia ancora stati messi in vendita.
La prima data papabile coinciderebbe con quella del Power Hits di RTL102.5 il 31 agosto, a cui seguiranno spettacoli di extra lirica.
Il sindaco Federico Sboarina, durante il suo punto stampa streaming di sabato 8 maggio, ha detto in proposito: “Un progetto che ci vede capofila in Italia ma che potrebbe essere utilizzato anche negli altri Paesi che non sono ancora Covid free. Procediamo per step. Fino a qualche settimana fa l’obiettivo dei 6 mila posti ci sembrava quasi impossibile, ora possiamo pensare ancora più in grande. Ciò grazie all’accelerazione della campagna vaccinale e alla conseguente diminuzione dei contagi, ma anche al grande lavoro fatto finora con il protocollo per l’Arena. Un documento di 55 pagine che primi tra tutti ci siamo adoperati a preparare, consapevoli di cosa significhi l’Arena per la nostra città e per la sua ripartenza. Non abbiamo ancora una data per lo spettacolo con la sperimentazione, ma sull’organizzazione abbiamo imparato ad essere velocissimi, non escludo possa essere molto presto”.
Tags

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close