EventiLegnagoProvinciaTeatro

Matthew Lee, il Pianoman torna per un concerto natalizio

L’1 dicembre torna a Legnago al Teatro Salieri

A grande richiesta, il primo dicembre tornerà a Legnago Matthew Lee, l’eccezionale pianoman che lo scorso maggio aveva già incantato il pubblico del Salieri per le sue doti canore e soprattutto per la sua presenza sul palco e la sua straordinaria esibizione al pianoforte.

Proporrà un concerto di Natale di fronte al quale il pubblico resterà di certo senza parole. L’evento è stato organizzato dall’avvocato Francesco Salvatore insieme con gli amici di Don Walter. Parte del ricavato sarà destinato all’associazione Nel Segno di Anna che ha debuttato il 6 ottobre con la sua presentazione ufficiale e che è attiva nella tutela dei bambini all’interno di famiglie che vivono situazioni di disagi, difficoltà e conflitti interni.

Definito dalla stampa come lo “straordinario performer”, Matthew è pianista e cantante innamorato del rock’n’roll, che ha fatto propri gli insegnamenti dei grandi maestri del genere. Un vero talento e fenomeno degli 88 tasti. Nella sua seppur breve carriera vanta già ben oltre 1000 concerti in tutto il mondo. Oltre all’Italia, la sua attività dal vivo ha raggiunto l’Europa e gli Stati Uniti. Tra i suoi principali successi italiani va ricordata nel 2015 la vittoria al Coca Cola Summer Festival per la categoria giovani, programma trasmesso in prima serata su Canale 5, con “È tempo d’altri tempi”. Nel 2017 anche il mondo della televisione si interessa a lui. Il primo è Gigi Proietti che lo invita nella sua fortunatissima trasmissione in prima serata “Cavalli di Battaglia”, poi è la volta di Fiorello che lo vuole come ospite nell’Edicola Fiore di Sky Uno e in seguito è uno dei protagonisti della trasmissione “L’anno che verrà” in onda la sera di capodanno su Rai 1.

Oggi Matthew Lee è considerato uno dei principali protagonisti di uno dei trend internazionali di maggior appeal: il rilancio delle atmosfere anni ‘50. (e.c.)

Nell’immagine in copertina: Matthew Lee durante un concerto. © Aldo Fiorenza

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close