Focus

Viaggio tra gli appuntamenti enogastronomici e nelle tradizioni venete

DE.CO. LA STORIA

La Denominazione Comunale è nata nel giugno 1999 da un’idea di Luigi (Gino) Veronelli, filosofo, scrittore e giornalista, ricordato come una delle figure centrali nella valorizzazione e nella diffusione del patrimonio enogastronomico italiano.

La loro esistenza è stata sancita dal Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali (Dlgs. n. 267/2000). 

In Italia i prodotti De.Co. sono 600 di cui 250 solo nel Veneto che risulta essere la Regione più strutturata dal punto vista della creazione spontanea di tavoli provinciali coordinati da un tavolo regionale formato dai sostenitori delle De.Co.

ROFIOI PROTAGONISTI ALL’ITB DI BERLINO

Le De.Co. venete nei giorni scorsi hanno fatto tappa a Berlino, all’interno della prestigiosa fiera internazionale del turismo ITB. A loro sono stati dedicati due Momenti De.Co., come ha raccontato l’ambasciatrice delle De.Co. del Veneto Jesusleny Gomes. «Nei giorni 7 e 8 marzo, presso gli stand della Regione Veneto e del tour operator nazionale Incoming Italy, in questo caso grazie alla collaborazione con il sindaco di Bardolino, nonché operatore turistico, Ivan De Beni, sono stati organizzati due Momenti De.Co. durante i quali abbiamo offerto ai presenti una selezione dei prodotti a denominazione comunale della Regione» ha spiegato Gomes.

Tra questi non potevano mancare i celebri rofioi di Sanguinetto. Il tipico dolce locale, che ricorda per la forma i ravioli, ma contiene un prelibato ripieno dolce e viene spolverato poi con zucchero a velo, dal 16 luglio 2018 è entrato a far parte ufficialmente dell’albo regionale dei prodotti a denominazione comunale.

Puoi leggere il focus completo Viaggio tra gli appuntamenti enogastronomici e nelle tradizioni venete nel numero 3 di marzo de La Notizia.news a pagina 2-3 (clicca qui per leggerlo in formato pdf).

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche

Close
Close
Close