Pianura VeronesePolitica

Brusco accusa: “Discarica di Torretta pattumiera della provincia”

Il consigliere regionale pentastellato riporta sul tavolo il tema rifiuti

“La relazione avvenuta nella 2′ commissione del Consiglio regionale, sulla produzione e gestione dei rifiuti, con la presenza del Direttore Generale di ARPAV d Luca Marchesi , ha messo in evidenza molte luci, ma alcune ombre”, questa l’analisi di Manuel Brusco consigliere regionale m5s Veneto.

“Assistiamo anche quest’anno ad un miglioramento del raggiungimento degli obiettivi e questo è merito dell’impegno degli enti, ma soprattutto dei cittadini”.

Maglia nera in questa classifica resta però il Comune di Verona, che non riesce a raggiungere quasi nessun obiettivo eli Piano. Infatti la raccolta differenziata raggiunge il 54% e il quantitativo di kg di rifiuti è più elevato rispetto alla media degli altri comuni, anche capoluogo di provincia. Questo avviene, malgrado il Comune di Verona sia inserito in un Bacino a se’ stante, chiamato “Verona Città”, rappresentando un unicum in Regione veneto: soluzione che dovrebbe garantire magiore efficienza, ma produce evidentemente il contrario.

“Ad oggi – sottolinea Brusco – l’unica discarica per rifiuti urbani attiva presente sul territorio provinciale è quella di Torretta, nel comune di Legnago, e come spiegato in commissione, riceverà i rifiuti anche dei Bacini dei rifiuti di Verona Città e della provincia settentrionale.

Come sollevato in passato anche da alcuni sindaci del Bacino di rifiuti Verona Sud, torno a ribadire la mia contrarietà a questa scelta. La Discarica di Torretta rappresenta una potenziale Bomba ecologica per la sua collocazione geografica e per tutte le vicende del passato. Non possiamo svendere il nostro territorio, per assistere ad una diminuzione in bolletta di un paio di euro, causando per contro altri problemi ,anche ambientali, ,come il traffico di camion dalle strade dei Comuni della Bassa.

I Bacini erano stati istituiti per gestire i rifiuti e trovare sistemi locali di trattamento, è assurdo che invece i rifiuti finiscano tutti nella Bassa Veronese, trasformandola nella pattumiera della provincia e del Veneto”.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close