CereaCronacaPianura VeronesePrimopianoProvincia

Il grido d’aiuto della Comunità Emmaus di Aselogna

Lavori fermi da due settimane, periodo difficile per i 16 ospiti

La nostra Comunità Emmaus Aselogna sta vivendo, come tutti i cittadini, un momento particolarmente difficile.

Emmaus Aselogna, come tutte le 18 realtà Emmaus Italiane, e come il resto delle realtà Emmaus presenti in circa 40 Paesi del mondo al nord come al sud del pianeta, hanno come uno dei pilastri fondamentali della loro esistenza quello di autosostenersi attraverso il lavoro.

Oggi abbiamo un grosso problema: per le note vicende del corona virus le nostre attività sono completamente chiuse. Già da parecchi giorni il camion non esce per effettuare i ritiri del materiale e i nostri mercatini sono chiusi: le prospettive non sono certamente buone!

Ad Aselogna sono 16 le persone che vivono in comunità con dei costi fissi.

Per questa ragione facciamo appello a tutti gli amici, ai cittadini, per chieder loro di sostenerci in questo momento di difficoltà con:

  1. donazioni in denaro per poter continuare l’accoglienza e la solidarietà, permettendoci così di uscire dall’emergenza e di ripartire nel momento in cui questa sarà terminata.  Si può contribuire facendo una donazione sul conto corrente bancario intestato a COMUNITA’ EMMAUS ASELOGNA IT97U0848159400000000411012 Causale: Contributo per la solidarietà-Coronavirus.  (Le erogazioni liberali potranno essere detraibili dalla dichiarazione dei redditi nelle percentuali consentite dalla legge).
  2. la destinazione del 5X1000, se non ci sono già altre scelte, alla COMUNITÀ EMMAUS ASELOGNA  91021760235. Potremmo percepire il contributo del 2020 solo fra due anni, ma sarà un grande sostegno per la nostra Comunità.

Tags

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close