Altri ComuniCronacaPianura VeronesePrimopianoTerritorio

Truffa l’Inps: la Guardia di Finanza scopre falso invalido di Gazzo Veronese

L’ammontare complessivo indebitamente percepito dal denunciato è stato quantificato in oltre 270.000 euro

I finanzieri della Compagnia di Legnago hanno individuato un soggetto residente a Gazzo Veronese (VR) formalmente riconosciuto invalido, ma di fatto risultato in grado di svolgere ogni ordinaria attività senza necessità di alcun ausilio.

Il «falso invalido» si era presentato davanti alle Commissioni sanitarie in carrozzina e dal 2005 era riuscito a farsi riconoscere l’invalidità civile al 100%, con totale e permanente inabilità lavorativa e con necessità di assistenza continua.

In tal modo, percepiva indebitamente la pensione d’invalidità civile, l’indennità di accompagnamento e la pensione di invalidità e inabilità al lavoro.

La scoperta del comportamento fraudolento è il frutto della sistematica azione svolta dalla Guardia di finanza diretta a individuare i fenomeni illeciti di natura economico finanziaria presenti sul territorio attraverso una mirata analisi di rischio dello specifico settore di riferimento (in questo caso quello della «tutela della spesa pubblica»), tenendo conto del complessivo numero dei percettori di specifiche indennità e considerando mirati «fattori di rischio» [a titolo esemplificativo, incompatibilità dell’invalidità riconosciuta con abilitazioni possedute (patente di guida) e/o con stile di vita anche rilevabile dai social network].

Le investigazioni, coordinate dalla Procura della Repubblica di Verona, hanno permesso, con l’effettuazione di numerosi appostamenti e videoriprese, di rilevare che la persona non era affetta da alcun impedimento fisico.

L’indagato aveva pure rinnovato la patente

Nel 2012, l’indagato aveva addirittura superato le visite mediche per il rinnovo della patente di guida con l’unica prescrizione dell’obbligo dell’utilizzo di lenti.

Le indagini si sono concluse con il deferimento all’Autorità giudiziaria per l’ipotesi di reato di truffa aggravata (reclusione da uno a cinque anni) ai danni dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS).

Oltre 270mila euro indebitamente percepiti

L’ammontare complessivo indebitamente percepito dal denunciato è stato quantificato in oltre 270.000 euro, a fronte del quale è stata formulata una richiesta di sequestro preventivo di pari importo.

Il contrasto alle frodi nei settori della previdenza e assistenza sanitaria mira a garantire l’effettivo sostegno alle fasce più deboli della popolazione, evitando il dispendio di risorse a beneficio di soggetti non aventi diritto.

Attenzione sempre massima alla tutela della spesa pubblica

L’esito dell’operazione eseguita testimonia l’attenzione rivolta dalle Fiamme Gialle a tutela della spesa pubblica e del bilancio nazionale.

In altri termini, l’azione del Corpo è finalizzata a prevenire e reprimere condotte illecite dall’elevato disvalore sociale in quanto tese a sottrarre risorse alla parte più bisognosa della popolazione.

Si segnala, infine, che l’impegno profuso dai finanzieri di Verona a tutela della «spesa pubblica», nel corso del 2019, ha permesso, tra l’altro, di eseguire:

  • 55 interventi a contrasto delle condotte di indebita richiesta, percezione e/o fruizione di «prestazioni sociali agevolate» (di cui 13 con esito irregolare) che hanno portato alla denuncia all’Autorità giudiziaria di 3 soggetti e alla contestazione di violazioni amministrative nei confronti di altri 10 soggetti;

  • 52 interventi a contrasto dell’indebita esenzione dal pagamento dei «ticket sanitari» (di cui 49 con esito irregolare) che hanno consentito la contestazione di violazioni amministrative a carico di 49 soggetti.

L’elevata incidenza di irregolarità accertate è la diretta conseguenza della mirata attività di scelta dei soggetti da controllare: «si controllano quelli potenzialmente irregolari».

Tags

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close