Altri ComuniEconomiaPrimopianoTerritorio

La Regione Veneto acquista 24 mammografi ultramoderni dal valore di 2,8 milioni di euro

Uno digitale con tomosintesi è stato destinato anche all'ospedale di Legnago

Con una delibera approvata su proposta dell’Assessore alla Sanità Luca Coletto, la Giunta regionale ha dato il via a una vasta operazione di ammodernamento delle dotazioni di mammografi in tutte le Ullss venete per un investimento complessivo di 2 milioni 880 mila euro, autorizzando l’Azienda Zero a procedere all’acquisto.

“Fin dal varo del Piano Sociosanitario, e via via con l’attivazione delle breast unit per la presa in carico totale e multidisciplinare delle donne colpite da tumore al seno – dice con soddisfazione il Presidente della Regione Luca Zaia – abbiamo fatto della lotta alle neoplasie della mammella una priorità, un punto d’onore, un segnale di civiltà e gratitudine nei confronti di tutte le venete, un messaggio di speranza. Abbiamo investito in finanziamenti tecnologici e in professionalità, e continuiamo a farlo”.

“Oggi acquistiamo ben 24 macchinari di ultima generazione, come mammografi digitali e mammografi digitali con tomosintesi – aggiunge il Governatore – che andranno a sostituire macchinari più vecchi. Quelli nuovi raggiungono il massimo della precisione e garantiscono al medico il più efficace aiuto per la diagnosi. I mammografi saranno distribuiti su tutto il territorio, sulla base delle esigenze espresse dalla Ullss per rendere capillare il servizio di diagnosi e potenziare lo screening. In sanità – conclude Zaia – chi sta fermo, in realtà arretra, ma noi vogliamo continuare a progredire. Un progresso che si basa molto sull’aggiornamento tecnologico e che in questo caso mette in campo nuove armi per combattere quella che è una delle peggiori paure delle donne, proprio nei giorni che ci avvicinano alla giornata nazionale della Salute della Donna del 22 aprile”.

21 mammografi saranno acquistati e messi in funzione già in questo anno, altri 3 lo saranno nel 2019. 10 sono mammografi digitali di un valore di 80 mila euro l’uno; 13 sono mammografi digitali con tomosintesi, con un costo unitario di 160 mila euro.

Verranno distribuiti in tutte le Ulss del Veneto, nell’Azienda Ospedaliera di Padova, nell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona e presso l’Istituto Oncologico Veneto-IOV.

Un mammografo digitale con tomosintesi da 160 mila euro  è stato destinato anche al Poliambulatorio dell’Opedale Mater Salutis di Legnago.

COMUNICATO STAMPA

Nella foto l’ospedale Mater Salutis di Legnago

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close