CronacaIncontriProvinciaVerona

Da Verona all’Olimpo della pubblicità. Record per Massimo D’Arienzo che vince gli ADCI Giovani Leoni 2022

Ha appena vinto, per il secondo anno consecutivo, il concorso Giovani Leoni 2022, la competizione indetta dall’ADCI – Art Directors Club Italiano che premia i giovani talenti creativi per spalancare loro le porte dell’Olimpo della pubblicità: è Massimo D’Arienzo, 25 anni, di Verona, in coppia con il collega Federico Mucci,che ha vinto, per la seconda volta, nella categoria “Film” e in virtù di questo a giugno rappresenterà l’Italia in gara al Festival Internazionale della pubblicità di Cannes, il concorso più prestigioso a livello mondiale.

Nello specifico Massimo e il collega hanno realizzato un video – titolato “No Motivators Needed” – per Pickme – Mygrants, volto a sensibilizzare sul tema dei migranti e sulle loro possibilità di trovare lavoro.

Il Festival Internazionale della pubblicità di Cannes (come per quello cinematografico), è l’appuntamento in assoluto più importante per chi crea e produce pubblicità. Un momento immancabile per tutti i guru del settore, per i capi dei più importanti brand al mondo, così come per attori, cantanti, registi internazionali, che sono sempre più protagonisti degli spot: da George Clooney a Jude Law, da Julia Robert a Johnny Deppma anche registi come TornatoreSalvatores, Spike Lee, Francis Ford Coppola. Per non parlare poi della pubblicità cartacea dove più che meno troviamo tutti i personaggi più famosi al mondo.

L’Art Directors Club Italiano seleziona i propri talenti attraverso il concorso i Giovani Leoni aperto a tutti i giovani creativi (under 31). “E’ aperto a tutti ma non è per tutti – commenta Stefania Siani presidente di ADCI – la selezione, infatti, è durissima e i partecipanti al ‘brief’ dovevano dare risposta con una soluzione creativa, sotto forma di video, campagna stampa, campagna digital/social e concept di design di prodotto, in sole 24 o 48 ore. La nostra giuria, poi, formata da importanti direttori creativi è stata davvero esigente, riconoscendo soprattutto l’originalità del progetto e l’intelligenza dell’idea”.

Al Festival di Cannes ci sono in gara spot e campagne di tutto il mondo, nelle diverse categorie, che ambiscono al Leone d’Oro. Una categoria è poi riservata ai cosiddetti Young Lions, ovvero i giovani talenti della creatività mondiale, che ogni paese partecipante mette in gara – continua Jack Blanga di ADCI, responsabile del concorso – chi arriva lì, a maggior ragione con le sue forze come nel caso di Massimo, vuol dire che ha talento da vendere e di fatto è consacrato quale talento creativo”.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button