CronacaEventiIncontriOppeanoProvincia

Giornate europee del patrimonio boschivo, sabato 25 appuntamento a Oppeano

Visita al bosco di pianura di via Isolo dedicata all’ambiente e alle peculiarità del nostro territorio

In occasione delle GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO BOSCHIVO di Rete Wigwam 2021, nei giorni sabato 25 e domenica 26 settembre pv, il Comune di Oppeano e la Pro Loco di Oppeano patrocinano la visita guidata al bosco di via Isolo a Oppeano, organizzata da: Wigwam Italia, Viviamo la Bassa, Associazione culturale La Pianura, Associazione La Pianura Cultura, Humanitas Act e col supporto delle Edizioni della Vita Nova di Giovanni Perez.

“Si tratta di una due giorni alla ricerca di come era l’ambiente boschivo Veronese nei molteplici aspetti pedoclimatici della provincia, variegato excursus fra la scienza moderna e la ormai improrogabile salvaguardia dell’ambiente senza dimenticare la magia dell’eterno potere evocativo di questi luoghi legati alla ricerca del benessere sia del corpo che della mente, con uno sguardo verso altri popoli fuori dall’Europa”, spiegano il Sindaco Pierluigi Giaretta e il proprietario del bosco di via Isolo a Oppeano, Luigi Pellini, nonché presidente del Comitato Alban – Boschi di Pianura.

Il programma per sabato 26 settembre pv prevede: ritrovo alla cartiera di via Isolo, 22-24 (indicazioni presenti). Segue breve introduzione e presentazione relatori: Luigi Pellini e saluto del sindaco di Oppeano: Pierluigi Giaretta; saluto dell’assessore delegato alla cultura: Emanuela Bissoli. A seguire interventi di:

  • Assessore delegato a patrimonio, promozione e storia del territorio Luca Faustini: Il paesaggio della Valle del Bussè
  • Psicologo Psicoterapeuta Alessandro Norsa: Il bosco fatato è un’immagine tra l’onirico e il fiabesco
  • Presidente Humanitas ACT Isabella Bertolaso: Un museo fra acqua e terra ovvero il manufatto idraulico del Gangaion del Consorzio di Bonifica veronese e il nascente Ecomuseo, appunti di un percorso di valorizzazione dedicato alla bonifica
  • Studiosa di miti, in particolare della Valpolicella, Nadia Segala: Il santuario di Minerva di Marano di Valpolicella
  • Cattedra Unesco di Genova insegnante di Etnomedicina, Tania Re: Stupefacenti e proibite, la via delle piante maestre I° parte

Saranno presenti il pittore ed ermetista Luigi Scapini e lo scultore Alessandro Guardini che esporranno le opere nel bosco. Tra un intervento e l’altro Francesca Pasetto farà sentire la voce del bosco con passi scelti tratti da “IL SEGRETO DEL BOSCO VECCHIO” di Dino Buzzati. Partecipa il chitarrista Luciano Modena eseguendo musiche etniche. Alle ore 13,00 circa rinfresco e al pomeriggio visita al parco e alla corte di villa Maffei Rizzardi a Palù.

Domenica 26 settembre l’evento prosegue alle ore 15,30 con un Convegno nell’ex convento di Sanguinetto nell’ambito del Festival Vegetariano.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close