CronacaEventiLegnagoProvincia

Il Rotary club Legnago consegna un pulsossimetro alla casa di riposo

A rappresentare il direttivo del Club è intervenuto l’avvocato Mauro Alessandrino

Il Rotary Club ha consegnato questa mattina, giovedì 18 novembre, nelle mani del presidente della casa di riposo di Legnago Maurizio De Lorenzi un nuovo pulsossimetro da utilizzare all’interno della struttura di Corso della Vittoria. Un’apparecchiatura in grado di misurare l’ossigeno nel sangue, che potrà essere spostata all’interno dei reparti a seconda delle necessità.


“A nome del CdA dell’Ipad, del personale e degli ospiti ringrazio di cuore il Rotary Club Legnago per la grande sensibilità dimostrata con questa donazione”, ha detto il presidente De Lorenzi, affiancato dalla direttrice della casa di riposo Silvia Pastore. “A Legnago siamo fortunati. La nostra struttura è stata messa a dura prova dall’emergenza covid, come purtroppo moltissime realtà in tutta Italia. Qui però abbiamo sentito forte la vicinanza delle realtà associative della nostra città e il Rotary è da sempre molto attenta a dare il proprio contributo verso la comunità legnaghese”.  
A rappresentare il direttivo del Club è intervenuto l’avvocato Mauro Alessandrino, che sarà il prossimo presidente per il biennio 2022-2023. “La nostra associazione ha un respiro internazionale, ma da sempre è attenta alle realtà locali. Questa iniziativa è nata la scorsa Presidenza di Roberto Dal Cer e portato a termine dall’attuale di Lorenzo Rubin. Siamo in contatto con un’agenzia governativa statunitense che ci ha finanziato numerosi apparecchi nel distretto Rotary di Veneto, Trentino e Friuli. Nel caso di Legnago il pulsossimetro è stato acquistato con risorse del nostro Club. L’iniziativa è stata seguita da vicino dal presidente dell’Ordine dei Medici Carlo Rugiu e dalla dottorossa Denise Arrioli, della Pneumologia dell’ospedale di Legnago. Per noi è un piacere poter contribuire alle necessità delle nostre comunità. Da sempre ci occupiamo dell’ambito del sociale, con donazioni o con ore di volontariato e di servizio”, ha concluso Alessandrino. 

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button