CronacaSanitàVerona

“La violenza di genere durante la pandemia”: incontro online per discuterne

Nell’ambito delle iniziative promosse da Fondazione ONDA

L’Azienda ULSS 9 Scaligera partecipa all’(H)-Open Week di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere in occasione della  Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che si celebra il 25 novembre.

Venerdì 26 novembre, l’Unità Operativa Semplice Dipartimentale di Psicologia Ospedaliera, diretta dal Dr. Pietro Madera, organizza un incontro online aperto alla popolazione dal titolo “La violenza di genere durante la pandemia da Covid-19”, in programma dalle ore 10:00 alle ore 11:00. Per partecipare non è necessaria la prenotazione, basta collegarsi al link dell’evento su piattaforma Google Meet.

L’iniziativa fa parte del progetto di sensibilizzazione “La violenza ha molti volti: nessuna maschera per combatterla”, una campagna promossa da Fondazione Onda che vede testimonial del mondo della cultura, dello spettacolo, della scienza, dell’innovazione e dello sport lanciare un messaggio chiaro e conciso contro la violenza sulle donne.

Secondo i dati dell’Istat, le richieste di aiuto durante la pandemia sono molto aumentate: nel periodo di lockdown forzato si è verificato un notevole aumento di violenza domestica, le chiamate effettuate verso il numero di pubblica utilità contro la violenza e lo stalking hanno avuto un andamento crescente a partire da marzo 2020, arrivando a più di 15mila a fine anno, con un aumento del 79,5% rispetto al 2019. Sono stati registrati picchi di richieste di aiuto ad aprile 2020 con +176,9% rispetto allo stesso mese del 2019, e a maggio, +182,2% rispetto al 2019.

La ricorrenza del 25 novembre rappresenta una data significativa poiché agisce sulle vittime come effetto motivazionale nella ricerca di un supporto esterno: nel 2020 le chiamate sono più che raddoppiate in quella singola data rispetto all’anno precedente arrivando a 147 contatti in un giorno, cioè +114,1% rispetto al 2019.

L’iniziativa gode del patrocinio di Camera dei Deputati, CNR, Fondazione Libellula, Donne per strada ed è resa possibile anche grazie al contributo incondizionato di Aurobindo, Boehringer Ingelheim Italia e Korian.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button