CronacaProvinciaSanitàVerona

Mese della salute maschile, visite gratuite a Villafranca e Bussolengo

Novembre è il mese dedicato alla salute maschile e alla prevenzione del tumore alla prostata

Novembre è il mese dedicato alla salute maschile e alla prevenzione del tumore alla prostata, che conta ogni anno in Italia 37mila nuove diagnosi. Per questa patologia, è fondamentale intervenire per tempo e serve quindi prevenzione. A tale scopo, lunedì 29 novembre verranno effettuati visite e consulti gratuiti per chiunque lo vorrà presso gli ospedali di Villafranca e di Bussolengo. Per prenotare, telefonare al CUP di Villafranca al numero 045 6338181, dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle 17:30 e il sabato dalle ore 8:00 alle 12:30. Sabato 27 novembre, inoltre, il castello di Villafranca sarà illuminato di azzurro e lo rimarrà per tutto il weekend, proprio per sensibilizzare alla prevenzione dei tumori in generale e in particolare del tumore della prostata.

Grazie a tecniche e tecnologie chirurgiche d’avanguardia, ad apparecchiature radiologiche eccellenti, a nuovi approcci farmacologici, presenti anche negli ospedali dell’ULSS 9 Scaligera, oltre il 70% dei pazienti con tumore della prostata viene guarito. Tuttavia, le più efficaci strategie di contrasto rimangono la corretta informazione e la diagnosi precoce, spesso poco diffuse presso la popolazione maschile. Alla comparsa dei primi sintomi è importante affidarsi a centri specializzati che possano offrire le migliori cure e servizi anche attraverso la presenza di un team multidisciplinare. Presso l’ospedale Magalini di Villafranca, così come negli ospedali di San Bonifacio e Legnago, è operativo un team multidisciplinare costituito da un urologo, un oncologo, un radioterapista, un radiologo e un anatomopatologo.

L’approccio multidisciplinare offre ai pazienti le migliori opportunità di ricevere le cure più appropriate e trattamenti di eccellenza. Inoltre, la collaborazione di diverse figure cliniche nella gestione della patologia diventa funzionale alla prevenzione e soluzione delle principali complicanze che potrebbero verificarsi, siano esse fisiche, emotive o psicologiche. A ciò si aggiunga che negli ultimi anni sono stati sviluppati nuovi farmaci che possono aiutare i pazienti nel trattamento della malattia, mantenendo una buona qualità della vita.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button