CereaCronacaPoliticaProvincia

Ridotta a Cerea la tariffa Tari per le utenze non domestiche nel 2021

L’amministrazione comunale di Cerea ha approvato le tariffe Tari per il 2021 che rimangono invariate per le famiglie

L’amministrazione comunale di Cerea ha approvato le tariffe Tari per il 2021, che rimangono invariate per le famiglie ceretane, mentre vengono ridotte quelle non domestiche, attraverso un fondo di 150mila euro in parte comunale e in parte stanziato grazie al finanziamento ministeriale.

L’obiettivo è stato raggiunto a fine giugno in Consiglio comunale, grazie a un lavoro di squadra tra l’assessorato al Bilancio, quello all’Ecologia e alle Politiche per la famiglia. “Anche quest’anno, come nel 2020, abbiamo mantenuto invariate le tariffe per le utenze domestiche – afferma l’assessore al Bilancio Matteo Lanza -. Abbiamo inoltre utilizzato interamente il fondo ministeriale di 118.278 euro, stanziato nell’ambito del contrasto agli effetti del Covid, per ridurre le tariffe sulle utenze non domestiche. Questo è stato reso possibile grazie anche ad un importante impegno economico da parte del Comune, che ha integrato il fondo arrivando ad un importo totale di 150mila euro. Il Comune ottiene così meno gettito, ma riteniamo sia fondamentale in questo momento dare nuova linfa alle imprese. La nuova normativa, inoltre, inserisce anche gli studi professionali in una nuova categoria (quella delle banche) che farà entrare meno soldi nelle casse comunali, ma permetterà alla categoria di risparmiare circa 10mila euro”.

Il vicesindaco Lara Fadini, che ha le deleghe all’Ecologia e alle Politiche per la famiglia, evidenzia: “con il provvedimento votato in Consiglio comunale abbiamo puntato a ridurre le tariffe a un settore che maggiormente ha subito le conseguenze delle limitazioni legate al Covid, con un occhio di riguardo verso le famiglie, che continueranno a non pagare un euro in più. L’impegno dell’amministrazione comunale è stato quello di rendere immediata la riduzione per fornire un aiuto concreto alle attività economiche”.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button