CereaCronacaProvinciaSport

Tiro a Segno, Argento e Bronzo per Petrini agli Europei in Croazia

Doppio successo per il portacolori di TSN Cerea

C’era una volta, ma no, c’è oggi, un ragazzo semplice che però fa cose straordinarie con la sua carabina. Agustin Martin Petrini già conosciuto alle cronache sportive in quanto atleta della Nazionale Italiana di Tiro a Segno che veste i colori della Sezione di Cerea, come pluri campione nazionale, conosciuto per la sua discrezione come persona, non porta scie di clamore ma in compenso dona alla Nazionale e alla Sezione, innumerevoli motivi di gioia e orgoglio. Venendo alla storia recente dopo l’oro alla finale del Campionato Italiano 2020, l’inizio di campionato 2021 lo ha visto protagonista al punto da conquistarsi la convocazione agli Europei. Isolamento preventivo insieme a tutta la sua famiglia per non perdere l’appuntamento sportivo in quel della Croazia che presso i palazzetti della città di Osijek, ha ospitato 8 giorni di competizioni serrate, nelle quali gli Juniores italiani hanno fatto incetta di medaglie.

Qualificazioni e finali in un susseguirsi di ore ed ore sulle linee di tiro, fatica, tanta concentrazione e sudore. Stress per le gare oltre che per le disposizioni in merito al contenimento della pandemia, isolamento, le famiglie non possono esserci, e quindi immaginate il morale di questi giovani e quanta forza trovano per coltivare le loro passioni. Allenamenti in solitudine per trovare la massima concentrazione, soprattutto sulla distanza a 50 metri che nella specialità 3P dove si spara in successione coricati, in ginocchio e in piedi, lascio immaginare i livelli di adrenalina quanto andavano in contrasto con il controllare il respiro e il battito cardiaco.

Ma, come ogni favola ha il suo bel lieto fine, Agustin è riuscito con la compagna di coppia Virginia Lepri a conquistare l’argento nella carabina aria compressa 10 metri. E siccome le favole sono pure a volte capricciose, il giorno dopo, quindi senza riposo alcuno, ecco che con la squadra, Agustin si vede inanellare anche la medaglia di bronzo. È un ragazzo, forse come tanti, che come lui mettono passione nello sport, che si impegnano e danno il massimo. Speriamo che per tutti loro ci sia gran divertimento che superi l’immenso sacrificio, certo è che questo ragazzo ha la favola dentro, la favola di chi viene da un paese lontano e trova casa, amici, sport in un luogo per alcuni strano, per molti sconosciuto, si chiama Tiro a Segno e a Cerea quel poligono ospita con onore una Stella. Grazie Agustin!

di Paola Berti

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close