CronacaEconomia

Firmato accordo Univr e Rete Sos delle scuole veronesi per l’ambiente

L'ateneo di Verona e le scuole del territorio uniscono le forze per promuovere l'educazione alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

L’ateneo di Verona e le scuole del territorio uniscono le forze per promuovere l’educazione alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Il 6 giugno, nella Sala Barbieri di Palazzo Giuliari, si è tenuta la firma dell’accordo quadro per sviluppare una serie di attività a sostegno della sensibilizzazione sulle tematiche dell’ecologia e dell’ecosostenibilità.   

A firmare il documento Roberto Giacobazzi, prorettore d’ateneo e Matteo Sansone, presidente della rete Sos – Scuole orientate alla sostenibilità alla presenza dei rappresentanti dei 23 istituti superiori e comprensivi del veronese che aderiscono al progetto.  

L’accordo, della durata di un anno, prevede la definizione e la realizzazione di attività comuni sulle tematiche della sostenibilità e la condivisione delle rispettive esperienze, progettualità e competenze su questi temi. La collaborazione si estenderà anche all’organizzazione di eventi e manifestazioni con al centro la cura dell’ambiente e alla disponibilità di operare al fianco di altri enti territoriali per rendere efficienti, dal punto di vista energetico, gli ambienti di lavoro. Per l’ateneo, a coordinare le varie attività sarà Matteo Nicolini, referente del rettore per la sostenibilità ambientale insieme a Sidia Fiorato e Isolde Quadranti della commissione della rete delle università per lo sviluppo sostenibile.

La rete Sos nasce nel 2019 a seguito di una prima esperienza positiva del progetto Sos, nato nel 2012 al Liceo Montanari. Proprio questa scuola, con la volontà di promuovere l’educazione alla sostenibilità negli ambienti scolastici, è diventata capofila della nuova esperienza, coinvolgendo altri 15 istituti superiori e 8 istituti comprensivi nell’accordo di rete. L’obiettivo perseguito è quello di promuovere la formazione dei docenti sulle tematiche ecologiche, la creazione di laboratori incentrati sul riuso intelligente per studenti e studentesse e la nascita di campagne per la salute e la salvaguardia del benessere.  

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button