CulturaEventiNogaraProvincia

A Nogara va in scena “Il palio di Verona”

La seconda data della stagione del Teatro di Nogara ha una valenza particolare

La seconda data della stagione del Teatro di Nogara ha una valenza particolare, un’emozione grande dietro alla scelta dello spettacolo. La Graticcia è infatti una neonata compagnia teatrale composta in maggior parte da attori della storica compagine veronese de La Barcaccia.

La scelta della data, il 19 novembre, ha poi un significato grande: è infatti la data del secondo anniversario dalla morte di Roberto Puliero, storico capocomico della compagnia veronese. La scelta del Teatro di Nogara è romantica, Nogara è infatti il luogo dove Puliero ha recitato per l’ultima volta.

Così Giovanni Vit, direttore artistico della compagnia: “La compagnia La Graticcia è felice di ricordare, a due anni dalla scomparsa, il proprio Maestro Roberto Puliero. Ha un significato particolare farlo sul palcoscenico di Nogara, luogo in cui Puliero e La Barcaccia hanno recitato per l’ultima volta. Per tanti di noi sarà un tuffo al cuore. Faremo una replica del Palio di Verona, come abbiamo fatto tante altre volte durante l’estate, solo a fine spettacolo lo ricorderemo. Sicuramente ci commuoveremo, ma siamo altrettanto certi che questa sia una tappa fondamentale per il nostro ritorno alla normalità. Crediamo che ricordarlo non facendo nulla di speciale gli farebbe piacere. Non avrebbe voluto memorial, intitolazioni di vie o piazze… ha sempre detto che gli sarebbe bastato un applauso del suo pubblico e gli applausi di venerdì saranno tutti per lui.

Prima di tutto quindi lo spettacolo, Il palio di Verona, una commedia storica che farà riscoprire al pubblico una tradizione ormai persa come appunto il palio che, proprio come a Siena, anche a Verona si correva con gare di uomini, donne e animali la prima domenica di Quaresima.

Un doppio appuntamento quindi, con la stagione teatrale giunta alla sua seconda data e con la commemorazione al Maestro Puliero, per una serata di emozioni assicurate.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button