CulturaEventiIncontriManifestazioniVerona

Festival Terra2050, in primo piano il Bene comune

Confronti e riflessioni di ampio respiro sul tema dello sviluppo sostenibile

Non solo sviluppo sostenibile ambientale ma anche umano, fisico ed economico. Sarà questo il macro sfondo sul quale si snoderanno i numerosi eventi del Festival Terra2050, che coinvolgerà sia gli studenti dell’Università di Verona, sia la cittadinanza interessata.
Uno sguardo ad un futuro ormai prossimo tra riflessioni, incontri e dibattiti attraverso la doppia lente di scienza e cultura alfine di sondare i problemi più urgenti, come degrado ambientale, inquinamento, povertà, ma in chiave costruttiva, analizzando quelle che possono essere alternative forti ed efficaci ai vecchi modelli.

Il frutto di questo percorso, tutt’altro che astratto, sarà un manifesto su cui verranno illustrate le “Credenziali per il nostro Futuro“, composte da interventi e soluzioni concrete. Osservatorio e laboratorio privilegiati di questa ricerca sono stati l’Ateneo Veronese e in particolare il Dipartimento di Culture e Civiltà.
L’edizione del Festival di quest’anno ha avuto come location, oltre alla città scaligera, anche Mantova, Valeggio sul Mincio, Ronco all’Adige, Veronella, Erbezzo e Curtatone, in vista di un’ulteriore, prossima espansione a livello nazionale.

Alla presentazione odierna del Festival a Palazzo Barbieri, il sindaco Sboarina ha commentato: “Una iniziativa particolarmente interessante che a pieno titolo si inserisce in un contesto storico in cui le tematiche ambientali sono diventate uno dei punti centrali del dibattito economico-sociale ma, soprattutto, fra i principali obiettivi affrontati nei programmi politici nazionali e internazionali. Il futuro del Pianeta, da garantire attraverso una mirata e strutturata salvaguardia del suo ecosistema, ci obbliga ad un cambio radicale delle nostre abitudini. Cosa ancora più importante, ci chiede di creare, nelle nuove generazioni, una cultura diversa nei confronti dell’ambiente, dove la sostenibilità rappresenti la parola chiave da cui far generare tutte le attività presenti e future in favore della conservazione del nostro Pianeta. Il costante cambiamento climatico, con fenomeni sempre più devastanti e incontrollati, ci impone di modificare repentinamente le nostre abitudini, strutturando nel lungo periodo efficaci politiche comuni, velivoli sia a livello locale che, in una visione più allargata, a livello mondiale”.

Il progetto è promosso dalla Onlus “Terra2050. Credenziali per il Nostro Futuro”, che si occupa di solidarietà sociale e sviluppo culturale, e patrocinato dal Ministero della Transizione Ecologica, dal Consiglio d’Europa, dalla Regione Veneto, dalla Provincia di Mantova, dal Comune di Verona ed altri.

Per consultare il programma del Festival, visitare il sito www.festivalterra2050.com. Per informazioni, scrivere a info@festivalterra2050.com. Tutti gli eventi si terranno nel rispetto delle norme anti Covid vigenti.

S.G.

Tags

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close