EventiIncontriLegnagoProvincia

Il 9 aprile a Legnago si inaugura la prima Pink Bench del Cammino delle Scoperte

Il nuovo progetto di Jesusleny Gomes, evoluzione della prima Pink Bench, sarà presentato al Vinitaly lunedì 8 aprile, nello stand della Regione Veneto, alla presenza del Governatore Luca Zaia e del presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti

Il Comune di Legnago aderisce al progetto del Cammino delle Scoperte, ideato da Jesusleny Gomes, l’imprenditrice brasiliana di origini venete che, nell’inverno 2017-2018, ha percorso a piedi tutto il Veneto. Alla luce dell’esperienza vissuta come donna, a piedi e da sola, Jesusleny aveva deciso di dedicare questo Cammino alla “donna”, invitandola a non farsi frenare dalla paura e a realizzare i propri sogni. Questo messaggio filantropico si è concretizzato nella Pink Bench, la panchina rosa nella quale è riportata da un lato la sagoma di una donna, dall’altro la sua “valigia dei sogni”. Il progetto iniziale della panchina, presentato nel 2018 al Vinitaly, si è evoluto diventando un vero e proprio Cammino che vede nella Pink Bench il cippo miliare del percorso. La realizzazione della versione 2.0 della Pink Bench, non più in legno ma in pietra della Lessinia, è stata affidata al Consorzio Tutela Pietra della Lessinia, Partner ufficiale dell’iniziativa, il quale ha definito un progetto che prevede 3 differenti lavorazioni.

La presentazione ufficiale di questa iniziativa, che prende il nome del Cammino delle Scoperte, si terrà oggi 8 aprile alle 12.30 nello stand della Regione Veneto durante il Vinitaly. A fare gli onori di casa il Governatore Luca Zaia e il presidente del Consiglio regionale Roberto Ciambetti, oltre alla presenza delle Amministrazioni aderenti e del partner ufficiale del progetto, il Consorzio Tutela Pietra della Lessinia, realizzatore materiale della panchina. Il Cammino delle Scoperte passerà per oltre 30 Comuni della Provincia di Verona con un tragitto lungo oltre 350 chilometri. Tra le tappe del Cammino ci sarà anche il Comune di Legnago, il primo ad inaugurare la sua Pink Bench il 9 aprile, subito dopo la presentazione del Vinitaly.

«Non appena Jesusleny Gomes ci ha illustrato il progetto, in piena sinergia con la Commissione Pari Opportunità e la sua presidente Lucia Faggion» spiega l’assessore alla Cultura Silvia Baraldi «abbiamo deciso di aderire perché si tratta di un’iniziativa dalla duplice valenza, da un lato punta a promuovere l’autonomia della donna e la invita ad osare, a guardare con ottimismo verso il futuro, un messaggio dunque di positività, dall’altro offre ai Comuni l’occasione di promuoversi e farsi conoscere all’interno di un Cammino che collega tutta la provincia».

L’obiettivo del Cammino delle Scoperte è quello di trasformarsi in volano per la promozione della provincia di Verona, primo step di un’iniziativa più ampia che mira a collegare tutte le province del Veneto ed a creare rete con importanti cammini di risonanza internazionale. Il percorso diventerà usufruibile a giugno 2019.

Legnago sarà una delle tappe di questo percorso che accoglierà i turisti provenienti da Bonavigo e diretti verso Cerea, invitandoli a conoscere non solo i luoghi storici più caratteristici che il comune ospita, come il Teatro Salieri, il Torrione e i due musei Fioroni e Archeologico, ma anche le suggestive passeggiate lungo l’argine del fiume Adige o nel centro cittadino.

La Pink Bench di Legnago sarà posizionata di fronte alla nuova Biblioteca Bellinato, inaugurata lo scorso 6 aprile a Porto di Legnago. La cerimonia si terrà il 9 aprile alle 16.30 alla presenza, oltre che dell’Amministrazione e della Commissione Pari Opportunità da cui è partita l’adesione all’iniziativa, di tutte le associazioni locali dedicate alla donna. L’ospite d’eccezione sarà Jesusleny Gomes, l’ideatrice del progetto.

«Ho pensato che la mia esperienza potesse servire soprattutto alle altre donne, ma a chiunque in generale, da stimolo per trovare la forza di osare, di prendere coraggio, di realizzare i propri sogni. Per questo ho voluto lasciare un messaggio concreto di solidarietà» spiega l’ideatrice del progetto, Jesusleny Gomes. «È stato proprio grazie alle persone che incontravo durante il mio cammino che ho trovato questa forza. Ho voluto ricambiare questo loro affetto lasciando, in quei territori, qualcosa di me concreto e stabile. Il Cammino delle Scoperte vuole essere un invito alle persone a riscoprire, ritrovare la gioia di percorrere brevi o lunghi tratti, da un paese all’altro, scoprire culture e tradizioni che fanno del Veneto una Regione unica, all’interno della mappa che ho tracciato, un pezzetto alla volta, un territorio alla volta, una panchina alla volta».

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close