EventiIncontriTerritorioVerona

Nuove droghe da internet – Convegno a Verona il 10 dicembre

Si tiene lunedì 10 dicembre, presso la Sala Convegni della Gran Guardia, dalle ore 10 alle 17, il congresso “Nuove droghe da internet; un pericoloso scenario tossicologico in evoluzione”, promosso da UOC Dipendenze Verona e organizzato con l’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune.

Negli ultimi anni si sta assistendo a un preoccupante fenomeno del tutto nuovo che ha rivoluzionato le tendenze giovanili rispetto all’uso di droghe. Alle sostanze tradizionali (cannabis, cocaina, eroina, amfetamine, ecc.) si sono aggiunte una lunga serie di Nuove Sostanze Psicoattive – NPS (oltre 800) di origine sintetica di cui ancora molto poco si conosce in relazione alle loro caratteristiche, ai rischi che queste comportano per la salute, ma soprattutto alle terapie che sarebbe necessario fare durante le emergenze. Oltre a questo, risultano poco conosciute e diffuse anche le modalità  analitiche in laboratorio necessarie per riconoscerle. Allarme, questo, lanciato anche dalla Nazioni Unite e dall’Osservatorio Europeo qualche settimana fa.

Difficile è anche il contrasto del traffico e dello spaccio on line sia su territorio italiano, ma anche su quello europeo e internazionale. Nell’ultimo decennio si è assistito a un forte sviluppo di questi mercati online che esistono parallelamente al mercato “su strada” delle classiche droghe. Alcuni venditori online utilizzano il web “di superficie”, su cui solitamente si vendono al dettaglio queste nuove sostanze o medicinali psicoattivi, spesso contraffatti, mentre altri operano nel “deep web” (web profondo), attraverso mercati della rete oscura (darknet) sostenuti da tecnologie che occultano le identità di acquirente e venditore.

Il congresso farà il punto su queste nuove realtà mettendo a fuoco i vari aspetti: la dimensione del fenomeno emergente, la necessità di adeguare i sistemi di risposta a questa nuova ondata di offerta di droghe sintetiche sia da un punto di vista sanitario, ma anche delle forze dell’Ordine, e infine si presenterà il nuovo sistema di ricerca e identificazione delle nuove sostanze messo a punto e necessario per dare risposte scientifiche a un fenomeno che ormai anche nel nostro Paese ha raggiunto dimensioni preoccupanti.

“Queste nuove droghe sono gli scarti della ricerca scientifica farmacologica degli anni passati che erano state escluse dall’uso umano in quanto troppo neurotossiche e pericolose per la salute” afferma il dott. Serpelloni, referente Scientifico del congresso e direttore dell’UOC Dipendenze Verona. “Quello che ci preoccupa di più è il fatto che il mercato on line è facilmente raggiungibile dagli adolescenti che sono in grado così di ordinare con pochi click nuove droghe sintetiche pericolosissime che vengono recapitate a casa con un pacco anonimo entro 48 ore e tutto questo fuori dal controllo dei genitori.”

L’iniziativa è stata organizzata anche in collaborazione con il DPI dell’University of Florida -Department of Psychiatry. Partecipano relatori delle più importanti strutture nazionali di ricerca e delle forze dell’ordine, ma anche della scuola e di importanti associazioni nazionali di giuristi che si occupano degli aspetti giuridico/legali di questi nuovi fenomeni (il Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Centro Antiveleni di Pavia, il Laboratorio di Tossicologia dell’Università di Ferrara, la Direzione Centrale Servizi Antidroga DCSA, il reparto dei RIS Roma, il Reparto Operativo CC Tutela della Salute NAS di Roma, il Centro Studi legali Rosario Livatino). Il Congresso si svolge con il patrocinio anche della Società Italiana di Tossicologia, Accademia Europea della Medicina dell’Emergenza e il Gruppo Tossicologi Forensi Italiani. Interverranno in apertura il Ministro della Famiglia con delega sulle Droghe on. Lorenzo Fontana, il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto. Farà gli onori di casa il Presidente del Consiglio Comunale on. Ciro Maschio e per l’Azienda ULSS 9, il dott. Raffaele Grottola, direttore dei Servizi Socio Sanitari.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close