LegnagoProvinciaSport

Legnago Salus sconfitto a Renate

Per gli uomini di Colella arriva una pesante battuta d'arresto per 4-0

Un 4-0, di norma, è un risultato senza appello. E si potrebbe dire anche di quello subito dal Legnago Salus a Meda (MB), contro il Renate, se nel secondo tempo non si fosse vista una squadra molto diversa da quella dell’ultimo quarto d’ora della prima frazione di gioco.

Sì, perché nella prima mezz’ora i nostri ragazzi se l’erano giocata alla pari contro i nerazzurri, squadra di alta classifica e reduce da un filotto di risultati utili degno di nota.

Anzi, l’occasione più ghiotta è capitata proprio a noi…

Poi quella “distrazione” che porta al calcio di rigore per gli avversari, al vantaggio dei padroni di casa è a un blackout pericoloso.

Il Legnago parte tonico, Lazarevic a sinistra pare ispirato e crea qualche grattacapo alla difesa avversaria, Buric per poco non ruba palla al portiere sul rinvio e, di fatto, i primi dieci minuti sono di marca biancazzurra.

Al 12′, poi, l’occasione più clamorosa per la squadra di mister Colella: transizione di Antonelli che imbecca bene Buric, il croato brucia il suo marcatore e tira a tu per tu con il portiere, trovando però prontissimo l’estremo difensore avversario.

120 secondi dopo è il nostro Gasparini a doversi impegnare, sul colpo di testa di Maistrello, cui il nostro numero 12 dice di no anche a metà tempo.

Al 32′ la svolta: Silva si infila in area, è quasi sulla linea di fondo, Gasparini prova l’intervento ma prende la gamba dell’avversario ed è calcio di rigore, che il capocannoniere Galuppini trasforma con freddezza.

Tre minuti dopo la realizzazione del penalty, da calcio d’angolo, ecco l’inzuccata di Chakir, per il classico gol dell’ex.

Quindi, al 41′, Maistrello insacca la rete del clamoroso 3-0, con cui si va negli spogliatoi.

Il tris nel giro di sette minuti ha effetti importanti sulla nostra squadra, che torna in campo mogia e, all’8′, Celeghin raccoglie agevolmente un pallone da destra e calcia in porta per il 4-0.

Mister Colella cambia quattro uomini contemporaneamente, tornando al 4-3-2-1, Giacobbe e Sgarbi si rendono pericolosi in un paio di occasioni, ma il risultato non cambia più.

Ma, se non altro, la reazione dopo il quarto gol deve far ben sperare.

TABELLINO
Renate (4-3-1-2): Drago; Anghileri, Silva, Possenti, Ermacora (30′ st Merletti); Baldassin, Ranieri (17′ st Esposito G.), Celeghin (17′ st Marano); Galuppini; Chakir (37′ st Sarli), Maistrello (17′ st Rossetti).
A disp.: Albertoni, Moleri, De Meo, Esposito A., Ferrini, Sala, Tedeschi. All. Roberto Cevoli.

Legnago Salus: (3-4-2-1): Gasparini; Bondioli, Milani (13′ st Calamai), Ambrosini; Ricciardi, Antonelli (21′ st Laurenti), Yabre, Pitzalis; Ciccone (13′ st Sgarbi), Lazarevic (13′ st Giacobbe); Buric (13′ st Juanito).
A disp.: Corvi, Enzo, Rossi, Stefanelli, Contini, Zanetti, Olivieri. All. Giovanni Colella.

Arbitro: sig. Crezzini (sez. di Siena)

Fonte legnagocalcio.it

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button