SportVerona

Rana Verona: ancora uno stop in casa

Quarta sconfitta casalinga consecutiva (su quattro giocate) per Rana Verona

Quarta sconfitta casalinga consecutiva (su quattro giocate) per Rana Verona che cede, in un Pala Agsm Aim tutto esaurito, alla vice capolista Sir Susa Vim Perugia 0-3 (18-25, 20-25, 22-25). I gialloblu si trovano ora nei bassifondi della classifica con 5 sconfitte in 7 gare di campionato, mentre Perugia inanella la sua quinta vittoria di fila e consolida il secondo posto in graduatoria. Sono la battuta (9 ace con soli 10 errori) ed il muro (11 vincenti) i fondamentali vincenti dei bianconeri con il secondo che tiene l’attacco scaligero al 34% di squadra totale. Per Verona bene capitan Mozic, capace di mettere a terra 16 punti, di cui 2 ace e altrettanti muri; stesso bottino in questo fondamentale per Dzavoronok e Grozdanov.

L’avvio di gara è tutto di marca veronese, poi la capolista prende le misure e inizia a fare la voce grossa, soprattutto a muro con Plotnytskyi. La formazione di Lorenzetti, però, non riesce a infilare l’allungo decisivo e Verona resta aggrappata al set. Poi una lunga serie dai nove metri di Held consegna il parziale nelle mani di Giannelli e compagni.

Al rientro in campo, i bianconeri sembrano tenere le redini della contesa, ma la truppa di casa non si dà per vinta e con i contributi di Grozdanov e Mozic rimane in scia. Sul finale del set si alza il ritmo a favore di Perugia, che scava il solco decisivo per il raddoppio nel punteggio.

Nel terzo parziale, le due squadre danno vita a un botta risposta importante, poi è Herrera a tentare di spezzare l’equilibrio dai nove metri. In prossimità dei titoli di coda Perugia certifica il proprio valore e chiude i conti in tre set. MVP dell’incontro Plotnytskyi, autore di 14 punti con 2 ace e altrettanti muri vincenti.

A fine partita coach Rado Stoytchev ha dichiarato: “Perugia ha dimostrato perché negli ultimi anni ha ottenuto risultati importanti. Oggi non ha funzionato il nostro cambio palla e siamo andati in difficoltà in contrattacco, ma ho notato dei miglioramenti, soprattutto a muro. Dobbiamo guardare avanti, io credo in questa squadra e quando avremo sistemato certi dettagli i risultati arriveranno, perché il pubblico e la città di Verona se lo meritano”.

Andrea Etrari

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button