CulturaEconomiaIncontriVerona

Turismo 2023, Verona punta sugli italiani nel mondo

Proposte ad hoc per attrarre un nuovo target turistico, quello di ritorno verso le origini, con un un unico tavolo per pianificare un’offerta di qualità che valorizzi tutto il territorio scaligero. Il 2023, sarà l’anno dedicato al turismo delle radici. E Palazzo Barbieri mette assieme tutti gli stakeholders per incentivare l’arrivo di coloro che, proprio per le origini italiane, desiderano visitare il nostro territorio almeno una volta nella vita. Un nuovo modo di pensare e attivare il marketing territoriale attraverso la Dmo Verona.  

Sono milioni i veronesi e veneti che vivono in tutto il mondo, e sentono ancora quel legame tramandato da genitori e nonni emigrati nel secolo scorso. Il Comune veronese con il più alto tasso di compaesani all’estero è Roverchiara.
Il Rapporto degli Italiani nel mondo 2021 parla di 5 milioni e 500 mila registrazioni all’Aire/anagrafe degli italiani residenti all’estero, delle quali 50 mila veronesi. Dato che parla al presente, ma che va moltiplicato tornando indietro nel tempo. Secondo uno studio dell’Enit, il bacino potenziale per l’Italia è pari a circa 80 milioni di persone. Il giro d’affari attualmente relativo a questo segmento turistico dal solo continente americano si aggira intorno ai 650 milioni di euro, per un totale di 670 mila arrivi all’anno in Italia.
I principali mercati sono costituiti da Brasile, dove risiedono 25 milioni di persone di origine italiana, Argentina (20 milioni) e Usa (17 milioni), seguiti da Francia, Svizzera, Germania e Australia.   Il Comune, quindi, ha chiamato a raccolta tutti i soggetti interessati per attivare un tavolo di confronto che diventerà presto operativo. Questa mattina, in municipio, si è tenuto il convegno di lancio, primo passo dei prossimi 365 giorni di lavoro della Dmo Verona. Dallo scorso giugno, le destinazioni territoriali Verona e Lago di Garda hanno un unico coordinamento. E possono contare anche sull’adesione di enti, associazioni di categoria e le principali infrastrutture economiche del territorio, l’Aeroporto di Verona, Veronafiere, la Fondazione Arena, oltre alla Provincia di Verona. Obiettivo: valorizzare unitariamente tutto il territorio scaligero.
Questa mattina erano presenti in sala Gozzi, o collegati in videoconferenza, il sindaco Federico Sboarina e l’assessore al Turismo Francesca Toffali, oltre all’assessore regionale al Turismo Federico Caner. E ancora i rappresentanti di Ministero Esteri e cooperazione internazionale, Camera di Commercio, Confcommercio, Università di Verona, Comitato per Verona, Coldiretti, Esu, Circoscrizioni comunali, Urp e Consiglieri emeriti. Così come operatori e guide turistiche, ma anche wedding planner. E ancora i Comuni della Dmo, Iat della Lessinia, Fiaip e le associazioni Verona Minor Hierusalem, B&B Garda, Ville Venete. Durante la mattinata è intervenuto anche il professor Riccardo Giumelli, sociologo e ricercatore dell’Università di Verona.

Il Comune ha, infatti, affidato all’ateneo scaligero il compito di analizzare e studiare la materia. Un punto di partenza per avviare il lavoro vero e proprio. “In questi due anni abbiamo capito che l’unione fa la forza, con l’unificazione delle Dmo veronesi, abbiamo raggiunto un risultato epocale – ha detto il sindaco -. Sono state superate logiche e ritrosie che ormai non avevano più senso, per lavorare insieme alla valorizzazione dell’intero territorio scaligero. Fare squadra ci rende molto più forti che giocare da soli. Per andare da Verona a Lazise ci vogliono 20 minuti, come attraversare un quartiere di Milano, è chiaro che la promozione turistica non può essere frammentata, ci vuole una visione d’insieme. Da qui in avanti avremo un unico metodo di lavoro, attivato da tavoli concreti che avranno a disposizione risorse da investire per tutta la provincia. Finalmente abbiamo un’unica cabina di regia, ciò che dobbiamo diversificare è l’offerta turistica. E partiamo proprio dal turismo delle radici, che è un segmento particolare. In un viaggio in Argentina testai con mano la portata di questo fenomeno. Per giorni incontrai, da sud a nord, solo persone che parlavano italiano, che erano già state nel nostro Paese o che sognava di farlo quanto prima, per tornare nelle terre degli avi. Oggi, non possiamo tenere conto dei numeri e dell’indotto che questo target può generare, ma anche dell’aspetto qualitativo. Perché questi turisti cercano qualcosa di più forte, vogliono ritrovare la loro identità, le loro origini. E noi dobbiamo essere pronti a rispondere alle loro esigenze”.

“Questo nuovo target è una grande opportunità per Verona, così come per tutta la provincia – ha aggiunto Toffali -. Le persone che si sono allontanate, e le successive generazioni, conservano molto forte il legame con le origini, appena possono tornano a visitare il punto di partenza, alla riscoperta delle radici. Si parla di un potenziale indotto per il nostro Paese di 650 milioni di euro. Verona vuole farsi trovare pronta, per questo abbiamo organizzato questo convegno di confronto per far partire tavoli di lavoro veri e propri. Studieremo pacchetti ad hoc diversificando l’offerta a seconda degli interessi delle differenti tipologie di turisti. Con oggi inizia un nuovo modo di lavorare e di pensare il turismo”.

S.G.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button