EventiLegnagoManifestazioniPianura VeroneseProvinciaTeatro

Gran finale per il Salieri Circus Award

Ovazione di pubblico per la serata conclusiva. Assegnati due ori, tre argenti e tre bronzi oltre a molti premi speciali.

Con due ore e mezza di emozione pura, ieri sera si è chiusa la seconda edizione dell’International Salieri Circus Award, un concorso unico nel suo genere, durato cinque giorni per un totale di sette spettacoli. La serata ha coinvolto e catturato il pubblico in ogni momento, dall’ouverture a tutti i numeri presentati fino alla passerella finale e alle premiazioni. Applausi scroscianti per tutti gli artisti ad ogni prova di abilità, ad ogni acrobazia, ad ogni volteggio. E risate con il ventriloquo italiano Andrea Fratellini e il suo pupazzo Zio Tore e con “il clown dei clown” David Larible, che per i suoi 50 anni di carriera ha ricevuto il Salieri di Platino. Anche Red Canzian dei Pooh, presente tra il pubblico, ha sottolineato il suo entusiasmo per uno spettacolo al di sopra di ogni aspettativa.

Il primo premio, il Salieri d’Oro, è stato assegnato a pari merito alla coppia di trapezisti francesi Emeline Goavec e Joann Benhamou del Duo Emyo e al funambolo spagnolo Nicol Nicols. I francesi del Duo Emyo, su musica di Joaquin Rodrigo, Concierto de Aranjuez, si sono esibiti in un’affascinante danza acrobatica al trapezio, un incontro di due anime sospese nell’aria, un’esibizione intima, sensuale, leggiadra per questi due artisti che oltre a grandi acrobati sono anche ottimi ballerini. Il funambolo Nicol Nicols, sul filo teso, ha camminato, danzato ed eseguito salti mortali avanti e indietro su arie tratte da La Traviata e Rigoletto di Giuseppe Verdi e dal Dongiovanni di Mozart. Nicol calca le scene da quando aveva 5 anni nel circo di famiglia.

I vincitori del Salieri d’Oro, a sinistra il funambolo spagnolo Nicol Nicols, a destra la coppia di trapezisti francesi Emeline Goavec e Joann Benhamou del Duo Emyo

I Salieri d’Argento sono stati assegnati a tre artisti ex equo: il ventriloquo italiano Andrea Fratellini, le contorsioniste etiopi Sheger Contortion Queens e la coppia argentino americana dei Pas de Deux Straps con un numero alle cinghie aeree.

I Salieri di Bronzo sono stati assegnati ex equo alla giovane contorsionista Sarangua dalla Mongolia, a
Chia Cheng Sung da Taiwan col suo “diabolo” e all’italiana Kimberly Zavatta con un numero alle cinghie aeree.

Molti altri i premi in palio, tra cui uno speciale della Giuria Tecnica è andato alla svizzera fuori concorso Silke Pan, l’ex trapezista rimasta paraplegica in seguito a un grave incidente durante un volteggio, che ha presentato un numero di grande forza ed equilibrio: emozione in platea, applausi scroscianti, standing ovation. Silke Pan ha ricevuto anche il premio assegnato dal Lions Club International che, accanto ad altre cause umanitarie, si occupa anche di disabilità.

Gran finale di gruppo con artisti, organizzatori, giuria e personalità. In primo piano, disteso, il presentatore Gran Cerimoniere Principe Maurice e, dietro, l’artista paraplegica Silke Pan

L’International Salieri Circus Award, promosso dall’Associazione Nazionale Sviluppo Arti Circensi (Ansac), con la produzione esecutiva di Proeventi e il sostegno del Ministero della Cultura e del Comune di Legnago, è l’unico festival che unisce la musica classica alle arti circensi. Uno spettacolo abilmente preparato nei minimi dettagli, dalla direzione artistica di Antonio Giarola a quella musicale del Maestro Diego Basso con la sua orchestra di 36 elementi, dalla scenografia alla direzione delle luci allo staff a tutta l’organizzazione, che ha portato a Legnago più di 50 artisti internazionali, una Giuria Tecnica tutta al femminile composta da 15 donne impresarie circensi provenienti da molti paesi del mondo, giornalisti, personalità politiche e artistiche. Tutto perfettamente sincronizzato e le molte standing ovation del pubblico lo hanno confermato.

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button