ArteEventiLegnagoManifestazioniProvincia

“Sguardi rosa”, la cultura legnaghese riparte dalle donne

Domenica 6 settembre la mostra nel giardino del Museo Fioroni

Legnago riparte nuovamente, dopo l’estate, nel segno dell’arte e della donna. Domenica 6 settembre, nel giardino del Museo Fioroni, si è tenuta la mostra di pittura “Sguardi rosa”, un connubio tra arte e musica per celebrare l’universo femminile. A questa esposizione, che ha visto la presenza del celebre pittore Francesco Pasquali (noto artisticamente come Charlie, ndr), hanno partecipato dieci donne con la passione per la pittura le quali, attraverso tavolozza, tela e pennello, hanno dato forma ad interessanti rappresentazioni spiegando qual è l’essenza della donna. La donna nella maternità, la donna come bellezza nelle arti grafiche, la donna nella vita quotidiana: significati che ogni visitatore può ricercare interiormente apprezzando le raffigurazioni proposte. L’evento è poi proseguito nel pomeriggio con la lettura di poesie a cura di Luciana Gatti e Rosa Danese e con una performance musicale di Leonardo Frattini, incentrati anche questi momenti nell’argomento Donna.

“Abbiamo ripreso l’attività con questo evento, denominato Sguardo Rosa perché ogni singola persona che ha partecipato ha dato la sua singola versione femminile delle cose”, ha spiegato la responsabile della Commissione alle Pari Opportunità del Comune di Legnago, Caterina Stella, a cui è stata affidata l’organizzazione. “La città si dedica alla cultura e alla pittura, in questa giornata speciale dedicata alla Donna. Ripartire da questi elementi è fondamentale per coinvolgere le persone”, ha inoltre sottolineato il primo cittadino, Graziano Lorenzetti. “La pittura è come la musica, comunica senza la parola. La Donna ha la coscienza delle proprie capacità e ci offre una manifestazione di purezza”, ha concluso Charlie, consegnando ad ogni partecipante un prestigioso attestato per aver contribuito a far rinascere culturalmente la Città dopo il lockdown.

ANDREA PERTILE

Tags

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close