CronacaFocusLegnagoPianura VeronesePrimopianoProvinciaSanitàVerona

Il coronavirus non ferma la solidarietà: Cuore di Donna al fianco degli ospedali veneti

L’Associazione ha sostenuto anche alcune strutture lombarde e pugliesi

L’Associazione Cuore di Donna con sede a Casazza, provincia di Bergamo, operante con diverse delegazioni sul territorio nazionale, ha deciso di sostenere  in questo momento di difficoltà alcuni ospedali dei territori in cui opera, tra cui anche i Civili di Brescia e il presidio di Montichiari.

Dal cuore generoso di queste donne, che hanno vissuto momenti difficili nella loro vita a causa di un cancro, arriva l’idea di devolvere parte dei fondi che vengono raccolti sui singoli territori, attraverso iniziative di diversa natura, agli ospedali di Bergamo (Asst Bergamo Est di Seriate) e Brescia, le città Lombarde che stanno soffrendo più di tutte in termini di perdite umane, città simbolo e fulcro dell’emergenza italiana, ma anche all’ospedale “A. Perrino” di Brindisi e al “Mater Salutis” di Legnago, città nelle  quali operano da anni delegazioni dell’associazione.

“Abbiamo pensato con le donazioni agli ospedali delle provincie citate e con un  ulteriore conferimento di un contributo da parte di tutte le delegazioni,  di donare anche a Regione Lombardia per dare un segno tangibile e forte di unità Nazionale non solo nella lotta contro il cancro. Queste donazioni sono frutto dei sacrifici di tutte le forze in campo per Cuore di Donna, dal direttivo alle referenti, dalle volontarie ai nostri sostenitori, nonché di raccolte fondi destinate a progetti da cui si dovrà, per poterli realizzare,  ripartire da zero”.  “La generosità è dare di più di quello che si può” – dice Myriam Pesenti, Presidente Nazionale di Cuore di Donna e Responsabile anche della Delegazione di Bergamo – aggiungendo che “i fondi donati alle Aziende ospedaliere territoriali e a Regione Lombardia, che ammontano complessivamente ad € 33.000,00, serviranno  per l’acquisto di tutto ciò che in questo momento occorrerà per affrontare l’emergenza”.

Irene Donella, responsabile della delegazione di Legnago ha invece evidenziato che  “Nell’emergenza, c’è bisogno di tutto e tutti. Con questa donazione, vogliamo essere vicine a medici, infermieri e ausiliari, per l’encomiabile lavoro svolto con professionalità, serietà e amore, anche in questa situazione di emergenza”.

Il gesto, che arriva anche da un territorio che piange tante vittime, assume un valore importante di solidarietà senza confini che l’associazione auspica possa dare un po’ di respiro a tutta la situazione nazionale.

Tags

Articoli collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close